IL FATTO

Delfino Pescara, ancora polemiche in Comune: «usa lo stadio tutta la settimana e non paga»

Pagamenti arretrati per 78 mila euro. «Basta privilegi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2660

Delfino Pescara, ancora polemiche in Comune: «usa lo stadio tutta la settimana e non paga»
PESCARA. Durante il Consiglio Comunale di venerdì scorso il consigliere del Pdl Renato Ranieri ha presentato interrogazione urgente all'assessore allo Sport Nicola Ricotta.

Tema delle domande? La Delfino Pescara 1936. Ranieri, che nelle scorse settimane non si è sottratto alle polemiche sul caso dei biglietti gratis ai consiglieri comunali mettendosi anche contro il suo partito (che invece non vuole esasperare gli animi con la società), ha infatti chiesto di sapere se il sodalizio di via Mazzarino utilizza l'impianto e i locali dello stadio Cornacchia anche durante tutti gli altri giorni della settimana (oltre al sabato e alla domenica). Ha chiesto anche se per tale utilizzo corrisponde al Comune i canoni dovuti.
La risposta dell’assessore è arrivata ieri e in pratica Ricotta ha confermato quanto il consigliere di maggioranza sospettava: la Delfino utilizza i locali dello Stadio anche gli altri giorni «senza pagare nulla e sulla base di nessun accordo scritto».
Anzi, si è scoperto che gli uffici del Comune, dal 2009, sollecitano di regolarizzare questa situazione oltre a richiedere il pagamento dei canoni che ad oggi ammontano ad 78.000 euro.

Ma Ranieri ha anche altri dubbi: «perchè le recinzioni utilizzate per delimitare l'area dello stadio per la sicurezza durante le partite, vengono lasciate per strada e sopra i marciapiedi intorno lo stadio ? Perchè la società non provvede a deporle in modo opportuno e in luoghi diversi? Durante i giorni della settimana, difatti, le circa 200 recinzioni sono lasciate alla rinfusa occupando quasi interamente i marciapiedi, rappresentando un pericolo per i pedoni e le auto».
Per il consigliere di maggioranza «non si può più perdere tempo» e torna a chiedere, così come
sollecitato anche con l'Ordine del Giorno n. 4578 del 08/10/2012, votato all'unanimità, che il Consiglio Comunale si riunisca per discutere sul nuovo Regolamento per la gestione degli impianti sportivi.
«Bisogna adeguarsi alle nuove normative di ordine e sicurezza», spiega Ranieri, «stabilire le nuove tariffe di concessione e pubblicità ed eliminare ogni articolo che possa concedere presunti "privilegi" di ogni genere agli amministratori».

Con la nuove tariffe, secondo l’esponente del Popolo delle Libertà, si potrà consentire alle società sportive
dilettantistiche e amatoriali di pagare meno rispetto ad oggi, ma allo stesso tempo di far pagare il giusto agli utilizzatori maggiori dei principali impianti.
«Cosa più importante è considerata la provvisorietà dei rapporti tra l'Ente e la società Pescara Calcio,
si potrà finalmente stipulare la convenzione fissando i diritti e doveri tra le parti».
Ranieri si augura che nel più breve tempo ci si possa incontrare con la Delfino Pescara, «al fine di ristabilire un serena e proficua collaborazione, soprattutto per il bene della città».