6 APRILE 2009

Terremoto, l’accusa di De Matteis: «il Governo Monti ci ha commissariato ancora»

Richiesta Commissione sulla ricostruzione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2264

De Matteis

De Matteis

L’AQUILA. «Di fatto siamo di nuovo commissariati e senza sapere la reale disponibilità degli stanziamenti».

Ne è certo il vice presidente vicario del Consiglio regionale Giorgio De Matteis, che commenta così la nomina dei due esperti individuati dal Ministro Fabrizio Barca di Aiello ed Esposito, responsabili degli uffici speciali per la ricostruzione.
Il vice presidente chiede, per l’ennesima volta, l’ istituzione di una commissione sulla ricostruzione in seno al Consiglio comunale per fare chiarezza su quello che sta avvenendo e quello che accadrà nei prossimi mesi. Ma il nuovo provvedimento non sarebbe un caso ma frutto, dice ancora De Matteis, della sfiducia nei confronti di Cialente. Una sfiducia tale da commissariare ancora la ricostruzione e l’attività amministrativa del Comune.
Il sindaco, sostiene il vice presidente, «oggi è contento di essere commissariato, è contento che Aiello prenda 250mila euro, mentre in un recente passato, in situazioni analoghe, lo abbiamo sentito ululare alla luna».
Per De Matteis, però, le cose non possono essere affrontate quando già sono diventati dei problemi: dall’acquisizione del progetto Case, per passare alle casette di legno, sino al ‘cubo’ di Renzo Piano. «In tutti questi casi i fatti sono diventati problemi a causa dell’azione confusa e maldestra dell’amministrazione Cialente», va avanti il vice presidente che proprio oggi ha chiesto al ministro Fabrizio Barca un incontro urgente per verificare alcuni aspetti relativi ai soldi realmente disponibili per la ricostruzione e il senso della nomina.
«Il Comune, che per bocca di Cialente», denuncia ancora De Matteis, «per mesi e mesi ha chiesto il ritorno alla ordinaria amministrazione, non si è preoccupato minimamente di organizzarsi» e adesso «ha salutato la nomina dei ‘due esperti’».
 Senza nulla togliere alla professionalità dei prescelti, «mi chiedo», chiude il vice presidente, «quali siano le competenze specifiche su un tema come quello della ricostruzione che spazia da aspetti legali ad aspetti tecnico-architettonici, sino ad arrivare a quelli amministrativi».