INDUSTRIA

Bontempi spa, accordo per il pagamento delle mensilità arretrate

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4753

Bontempi spa, accordo per il pagamento delle mensilità arretrate


TERAMO. Un accordo per il pagamento delle mensilità arretrate spettanti ai lavoratori della Bontempi Spa, azienda produttrice di giocattoli e strumenti musicali con stabilimenti a Potenza Picena e Martinsicuro, è stato raggiunto ieri, nella sede della Provincia di Macerata, tra la proprietà e i sindacati.

 L’accordo è stato sottoscritto al termine della riunione a cui hanno partecipato anche gli assessori al Lavoro e alla Formazione delle due Province coinvolte, Eva Guardiani (Teramo), e Paola Mariani (Macerata).
Al centro della vertenza, i problemi e le prospettive future dei due insediamenti produttivi e delle loro maestranze (quasi cento addetti a Martinsicuro e circa cinquanta a Potenza Picena), alle quali non è stato ancora corrisposto il saldo della mensilità di luglio. I sindacati, si legge nel verbale, hanno chiesto alla proprietà «una programmazione certa e ravvicinata per il recupero delle mensilità arretrate e chiarimenti e rassicurazioni relativamente al reparto progettazione, la cui vitalità può rappresentare l’orientamento dell’azienda rispetto al futuro, soprattutto riguardo al mantenimento dei livelli occupazionali». Inoltre, hanno esortato le istituzioni a dare nuovo impulso alle aree industriali di confine tra le due regioni.
L’azienda, dopo aver illustrato l’evoluzione non positiva del mercato di riferimento «imputabile in primo luogo alla crisi globale che ha determinato una imprevedibilità nel comparto vendite, cui vanno aggiunte le difficoltà derivanti da una crescita esponenziale degli insoluti ed il sempre più difficile accesso al credito», si è impegnata a pagare gli stipendi arretrati entro il 31 dicembre secondo un programma di scadenze concordato. Rassicurazioni sono arrivate anche sul versante delle strategie future che saranno mirate «al mantenimento della produzione in Italia» evitando processi di delocalizzazione.
«Ci auguriamo che gli impegni assunti in sede istituzionale – dichiara l’assessore al Lavoro e alla Formazione, Eva Guardiani – siano mantenuti e che i problemi del comparto possano trovare presto soluzione. Intanto lavoriamo affinché il tavolo di ieri sia un punto di partenza per un progetto di rilancio della produzione all’insegna della salvaguardia del made in Italy. Il nostro impegno, come richiesto dall’azienda, sarà quello di accompagnare questo percorso con misure idonee anche a sostegno del protocollo d’intesa siglato dalle Regioni Abruzzo e Marche presso il Ministero dello Sviluppo Economico».
All’incontro erano presenti per l’azienda Cristina Ficozzi e per le organizzazioni sindacali di Teramo e Macerata rispettivamente Giovanni Timoteo (Cgil) e Giampiero Daniele (Cisl) e Vincenzo D’Alessandro (Cgil) e David Ballini (Cisl). Ha coordinato l’incontro Pierluigi Babbicola del Servizio Relazioni industriali della Provincia di Teramo.