SICUREZZA

Vasto, arrivano le telecamere per sorvegliare… i cassonetti della spazzatura

Il Comune a caccia dei ‘furbetti’ della fidderenziata

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1930

VASTO
VASTO. E’ vero che il Comune vuole acquistare telecamere per videosorvegliare i cassonetti della spazzatura?

A porsi questa domanda, girata attraverso lo strumento della interpellanza al sindaco di Vasto Lapenna, sono stati i consiglieri comunali di Futuro e Libertà Nicola Del Prete e Davide D’Alessandro (Capogruppo). «Siamo rimasti sorpresi dalla notizia dell’acquisto imminente da parte del Comune di videocamere di sorveglianza per scovare i cosiddetti “furbetti” della differenziata, ovvero coloro i quali non differenziano correttamente i rifiuti e li depositano in maniera sanzionabile lungo le strade della città o in cassonetti non corrispondenti alla tipologia di rifiuto da conferire – proseguono nell’interpellanza Del Prete e D’Alessandro- , quando riteniamo che i problemi reali della città siano ben altri, soprattutto l’assoluta mancanza di sicurezza nelle ore notturne. Non è un caso che accadono fatti sconcertanti quando, di sera, il controllo della polizia municipale cessa: auto parcheggiate sopra i marciapiedi, isole pedonali che non esistono più, colonnine in cemento rimosse e, soprattutto, gare di auto da parte di ben noti gruppi di delinquenti che mettono in pericolo interi quartieri. Non c’è bisogno di leggere i post su facebook di scandalizzati e onesti giovani vastesi per capire che, la città, di notte, è in mano a chi non ha la benché minima idea della cultura vastese del rispetto delle regole e del vivere civile».
Per i consiglieri non si può porre in secondo piano l’emergenza criminalità a Vasto rispetto alla sorveglianza dei cassonetti della spazzatura, nonostante il fenomeno della mancata differenziazione dei rifiuti porti ad atteggiamenti che cozzano con il dovere civico di ciascuno.
I due esponenti di Fli rilevano, inoltre, che «nonostante gli sforzi di tanti e l’ingente somma che il Comune spende per estendere il servizio di raccolta differenziata su tutto il territorio comunale, la percentuale di differenziata non arriva al 50%, quando invece, la legge prevede una percentuale di almeno il 65%».
Per questa ragione hanno chiesto al sindaco «se, l’amministrazione comunale ha deciso (come e quando) di completare il progetto di raccolta differenziata su tutto il territorio comunale, oltre naturalmente a delucidare l’assise civica sui tempi di realizzazione della videosorveglianza annunciata da anni».