IL GRIDO D'ALLARME

Soldi e ricostruzione aquilana, costruttori: «seriamente preoccupati»

«Nessun referente, mancano i soldi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1989

Soldi e ricostruzione aquilana, costruttori: «seriamente preoccupati»
L’AQUILA. «Adesso cominciamo seriamente a preoccuparci».

E’ chiaro il presidente di Ance L’Aquila Gianni Frattale in merito alla situazione dei fondi per la ricostruzione e fa il punto su quelli residui.  Si continua a dire che i soldi ci sono, ma poco valgono le rassicurazioni teoriche del Ministro Barca, secondo Frattale,  se, calcolatrice alla mano, quel che resta in questi giorni di 1.897.156.073 che erano disponibili alla cassa Depositi e Prestiti è sceso ad appena 102.843.926 e la sola Carispaq ha avanzato richieste, l’altro ieri, per oltre 80 milioni.
Il pagamento dei lavori sui beni culturali, ex decreto 24 e 71, sta facendo riscontrare infiniti problemi: molti lavori non riescono a partire, molti di quelli avviati sono stati bloccati e per quelli completati si sconta il cronico ritardo dei pagamenti. Senza contare che si attendono ancora i pagamenti dal Comune di L’Aquila per i puntellamenti della prima emergenza e, dalla Provincia, quelli per i lavori sulle scuole, opere riconsegnate ormai da 8 mesi.
«Tutto appeso all’uscita del Decreto del Governo – continua Gianni Frattale – compreso il trasferimento dei fondi del Commissario agli enti locali. Perché attendere che si prosciughino i fondi per emanare un decreto? E’ gravissimo che le soluzioni arrivino sempre molto tempo dopo che i problemi si siano manifestati, soprattutto quando si tratta di questioni segnalate preventivamente. In questa casistica rientra anche il passaggio di consegne della governance, che l’espletamento del cosiddetto concorsone rimanda praticamente a metà 2013 se non alla fine di quell’anno».
I costruttori non nascondono le proprie perplessità di fronte a questo modo di procedere  anche perché dopo quattro anni e diversi cambi di referenti, «ancora non c’è chiarezza sulle regole, men che meno sugli organismi responsabili e su come opereranno: ci sarà una proroga della filiera tecnica o si troveranno procedure alternative? Abbiamo il diritto ormai di pretendere risposte non solo chiare ma veloci.  Si chiede sempre rigore alle imprese, ai tecnici, ai cittadini e dai decisori otteniamo solo caos, ritardi e approssimazioni, con provvedimenti che, invece di prevenirli, rincorrono costantemente i problemi e spesso ne provocano di nuovi. Senza soldi e senza la possibilità di processare le pratiche siamo, dopo quattro anni, al blocco totale della ricostruzione in centro. Anche questo ampiamente temuto e previsto».