MONTESILVANO

Centro sportivo Trisi, «la gestione va all’azienda speciale»

Approvata delibera di giunta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1755

Centro sportivo Trisi, «la gestione va all’azienda speciale»
MONTESILVANO. Il Comune di Montesilvano, dopo diversi anni di stallo, avvia le procedure sulla riunificazione a sé della piena proprietà e del  pieno possesso del Centro Sportivo Trisi.

La struttura è stata ricevuta in  donazione dal farmacista Francesco Trisi, scomparso il 24 luglio 2010. L’amministrazione mette al vaglio tempi e modalità di  procedure per darla in gestione all’Azienda Speciale dei Servizi Sociali del Comune. Lo prevede la delibera di giunta votata all’unanimità il 27 settembre scorso fortemente voluta dal sindaco Attilio Di Mattia e dal delegato allo Sport, Enea D’Alonzo, coadiuvati dall’assessore al Sociale Anthony Aliano, in cui si stabilisce di dare «indicazioni  alle strutture burocratiche del Comune competenti in materia perché sia attivato ogni procedimento necessario all’operazione e di dare indicazioni perché siano posti in essere – in tempi e con le modalità del caso – gli atti occorrenti alla legittima devoluzione della gestione del centro sportivo all’Azienda Speciale per i Servizi Sociali del Comune di Montesilvano». Il centro era stato dato in affitto al Considan nel 2007, consorzio in stato di liquidazione per cui il Commissario liquidatore ha ripetutamente richiesto al Comune di entrare nel pieno possesso dell’impianto e di riassumerne la gestione.
 «Su questo provvedimento strategico per Montesilvano – dichiara il sindaco Attilio Di Mattia –ho lavorato moltissimo sin dal primo giorno di insediamento. Con una attività di grande sinergia con il delegato allo Sport D’Alonzo e l’assessore al Sociale Aliano vogliamo tradurre in fatti concreti le  linee programmatiche di sostenibilità finanziaria dell’ente e di approccio innovativo negli ambiti sociali, fortemente mortificati da politiche regionali e nazionali».
Con la futura gestione della struttura, di cui gli uffici valuteranno modalità e tempi, infatti, l’Azienda Speciale avrà un ritorno economico «che servirà a finanziare  le sue attività».
«Allo stesso tempo», ha spiegato il sindaco, «il Centro Trisi tornerà a svolgere la funzione di importante luogo pubblico per la Città, capace di catalizzare le istanze della cittadinanza sul piano della disponibilità di impianti sportivi e più in generale di spazi fruibili con l’opportunità di valutare altri progetti al servizio della collettività».