L'INIZIATIVA

Botellòn flop a Pescara: attesi in 5 mila arrivano in 200

Imponente servizio di sicurezza con 100 agenti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3819

allegria, euforia, ragazzi spiaggia tramonto
PESCARA. Sono state sufficienti due ore di lavoro da parte degli uomini della Attiva per ripulire la spiaggia della Madonnina dal pattume abbandonato dai circa 200 partecipanti del quarto Botellòn party.


La festa si è tenuta sabato notte e vi ha partecipato un numero nettamente inferiore a quelli registrati nelle scorse edizioni, quando si erano superate le 5mila presenze.
«Come sempre», commenta irritato il vice sindaco Berardino Fiorilli, «nonostante la presenza di bagni chimici e di contenitori per il pattume, i giovani hanno però preferito lasciare sull’arenile bottiglie di vetro, bicchieri di plastica e ogni genere di rifiuto».
L’evento ha preso il via dopo le 23 di sabato andando avanti sino alle 3 di stamane
Ha però funzionato l’imponente servizio d’ordine predisposto, con oltre 100 agenti che hanno vigilato sullo svolgimento della manifestazione e su eventuali disordini che non si sono verificati, specie quando intorno alle 2 alcuni ragazzi, a gruppi, hanno lasciato la spiaggia per muoversi in parte verso il centro-storico, in parte verso i pub di via Marconi. Presenti anche unità della Guardia di Finanza con l’impiego delle unità cinofile antidroga, nonché la squadra nautica di Pescara di Capitaneria di Porto e Roan per garantire il controllo in mare, visto che lo scorso giugno molti ragazzi, dopo aver esagerato con l’alcol si sono gettati in acqua rischiando l’annegamento. La Polizia municipale – ha proseguito l’assessore Fiorilli – si è occupata della chiusura e della deviazione del traffico a ridosso dell’area della Madonnina, con massima attenzione al lungomare Matteotti e agli incroci con via Foscolo, via Buozzi e via Puccini. Tutti gli stabilimenti balneari compresi tra la Madonnina e piazza Primo Maggio hanno accolto l’ invito ad attivare il sistema di illuminazione notturna per accendere a giorno tutta la spiaggia, con la predisposizione della pattuglia di vigilanza sull’arenile stesso.