CITTA' SVUOTATA

Caserma Berardi chiude i battenti, ieri l’ultimo atto

«Troppo costosa» e il Ministero l’ha tagliata

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5401

Caserma Berardi chiude i battenti, ieri l’ultimo atto

Di Primio alla Caserma Berardi

CHIETI. E’ arriva la chiusura per il 123/o Reggimento Chieti.

Nella caserma "Gabriele Berardi" si è svolta ieri la cerimonia di resa degli Onori alla Bandiera di Guerra del Reggimento, che è partita alla volta di Roma dove sarà collocata definitivamente nel Sacrario delle Bandiere all'interno del Vittoriano: la bandiera sventolò per prima, nel novembre 1918, sul Municipio di Trento liberata, contribuendo al completamento effettivo dell'Unità d'Italia.
La struttura non è stata ritenuta «economicamente vantaggiosa» da qui la decisione di chiuderla.
La caserma costerebbe, secondo i dati forniti dal Ministero, 1.287.957 di euro all’ anno a fronte di una capacità di alloggi inferiore alle 500 unità e di scarsi spazi per altre funzioni.
Senza considerare che il piano del Dicastero prevede la razionalizzazione ed il contenimento delle caserme sul territorio come definito dai decreto legislativo n. 253 del2005.
La cerimonia, ultimo atto della presenza dello storico Reggimento nella città di cui porta il nome, si è svolta alla presenza del comandante del raggruppamento delle Unità Addestrative, il generale di divisione Antonio Zambuco, delle più alte autorità civili, religiose e militari della provincia di Chieti, insieme ai Gonfaloni pluridecorati di Pescara e delle città della provincia teatina e a numerosi rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma, delle Associazioni di Volontariato e degli amici del Reggimento.
Per volontà dell'ultimo comandante del Reggimento, colonnello Claudio Brunetto, sono state organizzate alcune manifestazioni: sfilata di un Reparto in armi lungo corso Marrucino con la Fanfara del 7° Reggimento Bersaglieri e deposizione di due corone ai Caduti presso la Villa Comunale e presso la Chiesa di Sant'Antonio a Chieti Scalo.