CONTI PUBBLICI

Cappelle sul Tavo, il sindaco sul bilancio: «il Comune è sano»

Di Zio: «non si può mettere in discussione l'operato di tecnici seri e competenti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1440

comune di cappelle sul tavo

Comune di Cappelle sul Tavo

CAPPELLE SUL TAVO. Il bilancio consuntivo 2011 è stato approvato in Consiglio Comunale con il parere favorevole del Responsabile Finanziario e del Revisore dei Conti.

«Il bilancio 2011 si è chiuso in equilibrio, non ci sono debiti, - dichiara il sindaco, Maria Felicia Picone Maiorano- nonostante le minori liquidità che hanno sì ridotto l'avanzo di amministrazione ma che ci consentono di dire che il nostro Comune è sano».
«L'equilibrio della gestione corrente è stato rispettato anche con gli accertamenti superiori agli impegni, senza considerare l’applicazione dell’avanzo 2010», attesta l'assessore al Bilancio-Finanze-Programmazione Enzo Di Zio. Minori i trasferimenti statali e i contributi Regionali «dimezzati rispetto al 2009 da € 105mila ad € 47mila nel 2011, per i servizi socio assistenziali, scolastici ed alla persona».
Il Bilancio, attento a contenere le uscite, ha dovuto fare i conti con il servizio più costoso per l'Ente, raccolta e smaltimento rifiuti, che a Cappelle raggiunge il 64% di differenziata, aggravato dai nuovi obblighi di legge «per ulteriori trattamenti sui rifiuti indifferenziati e il ricorso al Tar contro l’aggiudicazione del nuovo appalto rifiuti, la cui sospensione ha fatto slittare il ribasso d’asta previsto dal contratto, annullandone i benefici del risparmio per il 2011».

Sull'istruzione pubblica, ci sono 269mila euro per spese correnti, 25mila euro per l’acquisto di scuolabus, 8mila euro per acquisto di banchi e sedie per un totale di 302mila euro. Nel 2010 erano 299mila.
Il corpo di polizia è stato potenziato con apparati di videosorveglianza e dissuasori di velocità, «la spesa del settore risulta diminuita perché una vigilessa ha ottenuto il trasferimento ad altro impiego pubblico dopo aver vinto il concorso all’Inail», tiene a ribadire Di Zio, «nessun taglio agli stanziamenti».
I lavori per l'installazione degli impianti di fotovoltaico per gli edifici pubblici, che hanno sollevato «inutile polemica», sono stati consegnati alla ditta che si è aggiudicata il bando che in questi giorni sta approntando il cantiere. «E' scorretto insinuare che l'Equilibrio di bilancio non è rispettato, a danno dell'immagine di questo paese».
Di Zio confuta le accuse dell'opposizione, «non si può mettere in discussione l'operato di tecnici che da anni svolgono il proprio lavoro con serietà e competenza!»

Il Sindaco di Cappelle sul Bilancio sottolinea: «siamo stati accusati di non saper gestire il denaro pubblico e di aver operato con scarsa trasparenza, di aver fatto irregolarità' ed ammanchi che, nella fantasia di alcuni, hanno raggiunto la cifra stratosferica di 500-700mila euro. Le voci messe in giro dall'opposizione – dichiara - erano e sono false».
E rassicura che il Comune di Cappelle «è salvo dal tanto paventato, auspicato e tentato, commissariamento da parte di coloro che in nome e per conto dei cittadini vanno sempre contro gli interessi dei cittadini stessi».