DIFFAMAZIONE

«Il peggior sindaco della storia»: chiesto il giudizio per l'amministrazione di Fara San Martino

La Procura di Chieti contesta il reato di diffamazione ai danni dell'ex sindaco Luigi Bucco

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5464

«Il peggior sindaco della storia»: chiesto il giudizio per l'amministrazione di Fara San Martino
FARA SAN MARTINO. Sindaco, assessori e consiglieri di Fara San Martino rinviati a giudizio con l’accusa di diffamazione nei confronti dell’ex sindaco, Luigi Bucco (in carica dal 1993 al 2001).

Tra loro c’è anche il vicepresidente della Provincia di Chieti, Antonio Tavani, già sindaco di Fara San Martino fino al 2010. L’udienza davanti al giudice di pace di Lama dei Peligni è fissata al 26 settembre.

Secondo la procura di Chieti (pm Pietro Mennini) che ha concordato con la querela dell’ex sindaco Luigi Bucco, gli amministratori in carica hanno offeso la sua reputazione nell'ambito delle schermaglie politiche tra gruppi avversi.
Gli amministratori che dovrano sostenere il processo fanno parte del gruppo politico “L’Aquilone idee per Fara San Martino”, avverso a Bucco.
Questi sono accusati in particolare per aver distribuito il volantino “Democrazia e memoria Corta” definendo l'ex sindaco «il peggiore amministratore della storia di Fara, persona insignificante ed incapace di compiere qualcosa di utile e duraturo per la cittadinanza; lo hanno accusato di aver amministrato il patrimonio pubblico senza averne le capacità, la competenza e senza esserne legittimato e di aver violato le leggi ed i principi della correttezza che dovrebbero regolare l’attività di un pubblico amministratore».
I rinviati a giudizio sono Giuseppe Di Rocco, attuale sindaco di Fara San Martino, Paolo Cocco vice sindaco, Mario Di Iennio e Chiara Alleva, assessori, Antonio Tavani capogruppo di maggioranza e vice presidente della Provincia Chieti, Ivano Marrone e Luigi Natale, consiglieri maggioranza. E ancora Andrea Orsatti, Agostino di Sciullo e Maria Piera Cipolla.
Se i rinviati a giudizio non compariranno senza un legittimo impedimento, si legge nell’atto di citazione a firma del Pm Pietro Mennini, saranno giudicati in contumacia.
L’ex sindaco Bucco porterà come testimoni Paola Sciarra, Armando Di Vincenzo, Fabrizio Di Vincenzo, Angelo Mastrippolito, Antonio Di Marino che confermeranno le circostanze, il tempo ed il luogo in cui si sono verificati i fatti.