CARCERE E RIABILITAZIONE

Vasto, corsi di formazione e tirocini per detenuti

Il progetto sarà finanziato con i fondi Po Fse Abruzzo 2007-2013

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1759

Vasto, corsi di formazione e tirocini per detenuti
VASTO. Qualcuno ha detto che il lavoro è figlio di volontà e dignità.

Qualcun altro, forse, ha smesso di crederci, stretto com’è, tra le sbarre di una prigione.
Per i detenuti del carcere di Vasto, oggi, si apre una nuova possibilità: un progetto che prevede un percorso di reinserimento sociale e professionale. Si tratta di corsi di formazione per ottenere la qualifica di cuoco, tirocini in azienda e l’attivazione dello sportello carcere-lavoro.
Il progetto “Integra.In. Integrare per includere” è finanziato nell’ambito del Po Fse Abruzzo 2007-2013 con la somma di 198.600 euro. Tra i sostenitori ci sono la Leadercoop Formazione srl come capofila di progetto l’Ats (Associazione temporanea di scopo) che vede coinvolti anche la cooperativa sociale Saima, l’associazione Promo.S., l’agenzia per il lavoro Quanta, Confesercenti Abruzzo e Cescot Abruzzo; così come l’Eas 24 Vastese, l’Uepe (Ufficio esecuzione penale esterna), il centro per l’impiego di Vasto e la casa circondariale di Vasto.

L’iniziativa è stata presentata oggi dal sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, l’assessore comunale e vice sindaco Antonio Spadaccini, il presidente del gruppo Leadercoop Giampiero Ledda, Carlo Brunetti, direttore casa circondariale di Vasto, Mariantonietta Cerbo, direttore dell’ufficio di esecuzione penale esterna di Pescara-Chieti-Teramo, Sonia Di Naccio, rappresentante di Confesercenti Abruzzo, Simone Lembo rappresentante del Cescot Abruzzo, e Lucia Piccoli, rappresentante dell’associazione Promos e Patrizia Orlandi, amministratore unico della cooperativa sociale Saima.
Ecco, in particolare come si articolerà il progetto. Il percorso formativo con rilascio di qualifica professionale per il profilo di cuoco specialista nelle intolleranze alimentari durerà 400 ore e coinvolgerà dieci detenuti. Il corso si terrà all’interno del carcere compatibilmente con le esigenze carcerarie ed i partecipanti saranno selezionati direttamente dalla casa circondariale e percepiranno un’indennità di frequenza pari a 5 euro l’ora.

E’ prevista anche l’apertura di uno sportello carcere-lavoro all’interno della casa circondariale di Vasto utile per creare un ponte tra detenuti e mondo professionale. Lo sportello sarà aperto almeno una volta a settimana per la durata di 6 ore e rimarrà operativo per la durata del progetto, impiegando un operatore dei servizi per l’impiego, un assistente sociale dell’Uepe (Ufficio esecuzione penale esterna), un educatore ed anche un mediatore culturale.
Non mancheranno, infine, i classici tirocini in azienda a favore di 8 ex detenuti e detenuti in esecuzione penale esterna. Le work experiences (tirocini) saranno attivate a partire da gennaio e prevedono un’indennità mensile di 500 euro per ciascun partecipante per la durata di 12 mesi. I partecipanti saranno costantemente affiancati da un tutor per tutta la durata del percorso