L'INCHIESTA

Assessore di Mascia indagato per truffa. L'Udc lo sospende dal partito

Codici: «Mascia gli ritiri la delega»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3938

Vincenzo Serraiocco

Vincenzo Serraiocco

PESCARA. L'assessore alle problematiche portuali al Comune di Pescara Vincenzo Serraiocco (Udc) è indagato per truffa aggravata dalla procura di Pescara.

Secondo il pm Giampiero Di Florio, Serraiocco, 37 anni, una lunga militanza Udc, avrebbe raggirato due imprenditori abruzzesi prospettandogli l'ingresso come soci nel Pescara Calcio e si sarebbe fatto dare dai due circa 25 mila euro.
I fatti, secondo quanto riporta oggi il quotidiano Il Tempo, risalgono al 2009, quando Serraiocco era socio del Delfino Pescara che all'epoca giocava in serie B. L'avvocato delle parti offese, Alessandro Di Vincenzo, ha spiegato che l'assessore con delega alle attività marine e fluviali, ed entrato nella Giunta di centrodestra guidata da Luigi Albore Mascia nel febbraio 2011, avrebbe convinto i due a dargli dei soldi per rilevare a loro nome quote della società calcio che successivamente lui stesso avrebbe rivenduto al presidente dell'epoca, Peppe De Cecco, addirittura guadagnandoci sopra.
In un primo tempo i due imprenditori, Sandro Cacciagrano e Gabriele Liberatore, avrebbero provato a sistemare bonariamente la questione, ma poi si sarebbero decisi alla denuncia sfociata nell'iscrizione tra gli indagati per truffa aggravata.
A questo si aggiunge anche la denuncia per esercizio abusivo della professione di commercialista perché anche se laureato in economia e commercio non risulta iscritto all'albo. Serraiocco é difeso dall' avvocato Vincenzo Di Noi, anch'egli consigliere comunale Udc.
Sempre secondo quanto scrive Il Tempo l’assessore della giunta Mascia deve aggiungere all'avviso di garanzia del Pm anche la querela per appropriazione indebita ed esercizio abusivo della professione in quanto, «pur essendo laureato in Economia e Commercio, l'indagato non risulterebbe iscritto al'Albo dei dottori commercialisti».

«FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA»
«Sono sereno e ho grande fiducia nella magistratura». L'assessore comunale di Pescara, ed ex dirigente della società biancazzurra, all'Ansa ha rilasciato alcune dichiarazioni. «Ho già chiesto, attraverso il mio avvocato difensore (Vincenzo Di Noi, consigliere comunale Udc) di essere ascoltato dal Pubblico Ministero Di Florio il 25 settembre. In quell'occasione chiarirò tutto. Io sono una persona seria e vedrete che alla fine la verità uscirà fuori. Sono talmente tranquillo che come vedete oggi sono al mio posto e a questa conferenza stampa già programmata da tempo (sugli spazi che l'Urp darà alle associazioni di volontariato)».

CODICI: «L’ASSESSORE SERRAIOCCO DEVE DIMETTERSI»
 Codici chiede le dimissioni dell’amministratore pubblico «fin quando la vicenda non verrà chiarita dai magistrati giudicanti».
«Riteniamo», si legge in una nota dell’associazione, «non vi possano essere ombre sulla vita privata dei nostri amministratori e fin quando la magistratura non si pronuncierà non ci sentiamo tranquilli nel farci amministrare da un assessore che secondo il pubblico ministero avrebbe truffato alcuni onesti cittadini. Invitiamo il sindaco Mascia a ritirare la delega all’assessore in questione nel caso in cui lo stesso rinunciasse a presentare dimissioni spontanee. Solo cosi i cittadini Pescaresi potranno continuare ad avere  fiducia nell’istituzione Comune».

E LUI REPLICA: «DECIDERA’ L’UDC»
«Ho rimesso al gruppo consiliare dell’Udc e del partito stesso che mi ha indicato come assessore al sindaco qualunque decisione circa la mia posizione e la carica istituzionale che ricopro», ha commentato  l’assessore Serraiocco .

SERRAIOCCO SOSPESO
«In attesa che la magistratura, verso la quale esprimiamo massima fiducia, possa fare chiarezza sull'eventuale coinvolgimento del dottor Vincenzo Serraiocco nelle vicende giudiziarie che emergono dagli organi di stampa, ne disponiamo con effetto immediato la sospensione dal partito». Lo afferma il parlamentare dell'Udc Antonio De Poli, responsabile organizzativo del partito, che ha inviato in queste ore allo stesso Serraiocco la lettera che annuncia la sua sospensione dall'Udc.