SCUOLA

Primo giorno di scuola per il nuovo liceo D’Ascanio di Montesilvano

Inaugurazione con 620 studenti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1680

Nuovo liceo scientifico d'ascanio  montesilvano

Il Liceo D'Ascanio a Montesilvano

MONTESILVANO. Per i 620 studenti del nuovo liceo scientifico Corradino D’Ascanio di Montesilvano, realizzato dalla Provincia di Pescara, è stato il giorno della prima campanella.

«Per loro, per il corpo docente e non docente, l’anno scolastico si è aperto nel migliore dei modi – dice il vice presidente della Provincia, Fabrizio Rapposelli, assessore all’Edilizia scolastica e alla Pubblica Istruzione.
«Dopo decenni di attesa da parte di studenti e famiglie – prosegue – la Provincia di Pescara, con la giunta Testa, ha realizzato questa sede che ha a disposizione complessivamente 12mila metri quadri e un piazzale molto esteso. Con un investimento di 6 milioni di euro – dice sempre Rapposelli – abbiamo costruito una sede di proprietà dell’Ente, evitando di continuare a pagare centinaia di migliaia di euro l’anno di affitto per due sedi diverse. Con questo intervento, che ha inciso notevolmente sulle casse della Provincia in un momento di tagli drastici da parte del Governo centrale, abbiamo finalmente assicurato locali nuovi e ospitali alla popolazione scolastica del D’Ascanio, e oggi ho colto la soddisfazione di studenti, famiglie e insegnanti. Per noi, quindi, questa giornata rappresenta il coronamento di un sogno e credo che sia lo stesso per tutti coloro che in passato hanno raccolto promesse dalla Provincia, a lungo non mantenute».
 Rapposelli spiega che sono ancora da ultimare gli interventi nel piazzale esterno ma «all’interno la struttura è completa, nella parte attualmente occupata per lo svolgimento delle lezioni. Una volta concluso il tutto realizzeremo una giornata speciale, con il taglio del nastro ufficiale».
 Questa mattina è stato proprio l’assessore, insieme al dirigente scolastico Natalina Ciacio, ad incontrare gli alunni del primo anno per dare loro il benvenuto non solo alle scuole superiori ma anche nei nuovi locali, di cui usufruiscono per primi.