TASSE E IMPRENDITORIA

Evasione da 10 mln di euro, imprenditore chietino nei guai

Il costruttore rilasciava fatture non regolari

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5230

Evasione da 10 mln di euro, imprenditore chietino nei guai
CHIETI. Il Nucleo di Polizia Tributaria di Chieti ha individuato una società teatina nel settore dell’edilizia che operava in totale evasione d’imposta.

Il nome dell’azienda e quella dell’imprenditore non vengono svelati ma i militari spiegano il meccanismo utilizzato: le dichiarazioni dei redditi per gli anni d’imposta dal 2007 al 2010 non sono state presentate.
Inoltre non c’erano libri e registri contabili obbligatori per legge. L’attività di verifica eseguita ha consentito di individuare redditi sottratti a tassazione per oltre 10 milioni di euro e un’imposta sul valore aggiunto dovuta pari ad oltre 1,5 milioni di euro.
L’imprenditore, avvalendosi di una società principale e di altre società satelliti, costruiva immobili che puntualmente vendeva ad acquirenti a cui rilasciava fatture apparentemente regolari senza provvedere però alla loro registrazione ed alla successiva dichiarazione al Fisco dei relativi ricavi.
Gli acquirenti degli immobili, vedendosi consegnare una fattura in apparenza regolare, erano convinti dell’assoluta liceità della transazione dal punto di vista fiscale.
I Finanzieri del Nucleo hanno potuto ricostruire l’intero volume d’affari riscontrando gli atti di registro degli immobili venduti nonché le contabili bancarie e le dichiarazioni degli acquirenti.
L’indagine è scaturita dal fatto che lo stile di vita e le abitudini di spesa dell’imprenditore erano apparsi sproporzionati ai redditi dichiarati. Questi primi sospetti sono stati successivamente avvalorati dalle risposte arrivate dalle banche dati informatiche in uso alla Guardia di Finanza ed infine resi inconfutabili dalle prove documentali acquisite e dagli accertamenti bancari effettuati.
Sono in corso ulteriori attività d’indagine relative alle società gravitanti nella sfera d’interesse dell’imprenditore denunciato.