ALLAGAMENTI E DISAGI

Maltempo: "Medea" flagella costa Teramana. Chiusa statale 16 per fango

Al momento fiumi sotto controllo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8492

Silvi fiume esondato

Silvi fiume esondato

ABRUZZO. Pioggia intensa con raffiche di vento violentissime.

Sono trascorse meno di dodici ore dall’arrivo di Medea ma già si contano i primi danni. Per le prossime ore atteso un nuovo peggioramento che non lascia presagire nulla di nuovo.
La perturbazione ha flagellato ancora una volta il Teramano e a pagarne le conseguenze è sempre la costa che mostra la sua vulnerabilità.
Dopo i problemi dei giorni scorsi e le polemiche non ancora sopite è di nuovo emergenza. Da ieri sera i vigili del fuoco di Teramo e dei staccamenti di Roseto e Nereto sono al lavoro per liberare dall'acqua scantinati, sottopassi e strade completamente allagati. Diverse le richieste di aiuto per liberare le auto e furgoni dall'acqua. Tutte le operazioni sono state completate con successo.
La situazione più critica si registra lunga la costa sud da Roseto a Silvi. Qui si concentra la maggior richiesta di interventi. Tutte le squadre sono sulla strada al lavoro anche quella dei sommozzatori. Nel Teramano piove incessantemente da ieri sera con alternanza di nubifragi che rendono difficile anche la visibilità lungo le strade. Dalle colline della Val Vibrata scendono acqua e fango che hanno invaso le strade. Resta per il momento tranquilla la situazione all'interno. I fiumi sono sotto controllo e gli occhi sono tutti puntati su Giulianova dove ieri il sindaco Francesco Mastromauro ha lanciato l’allarme a causa della mancata messa in sicurezza degli argini.
Nel pomeriggio-sera le previsioni meteo non preannunciano nulla di buono e la situazione potrebbe peggiorare nelle zone già in difficoltà.

CHIUSO TRATTO STATALE 16
Intanto questa mattina l’Anas, a causa di un allagamento dovuto alle piogge intense, ha provvisoriamente chiuso al traffico il tratto della strada statale 16 “Adriatica” compreso tra il km 428,8 e il km 430,000, in provinica di Teramo. Il traffico è stato deviato sulla viabilità locale. Sul posto è giunto personale dell’Anas e della Polizia stradale per ristabilire al più presto le normali condizioni di viabilità. Sulla statale 16 si procede a rallentatore: traffico difficoltoso a Roseto, rallentato a Giulianova e completamente bloccato più a nord, all’altezza di San Benedetto del Tronto. L’Anas comunica che, a causa del fango depositatosi sul manto stradale per le avverse condizioni metereologiche, è stato provvisoriamente chiuso al traffico il tratto della strada statale 81 “Amalfitana”, compreso tra il km 71 (località Cellino Attanasio) e il km 73 (località Montefino), in provincia di Teramo.

Il traffico è stato deviato sulla viabilità locale.
CHIUSA PROVVISORIAMENTE STATALE 81
L’Anas comunica che, a causa del fango depositatosi sul manto stradale per le avverse condizioni metereologiche, è stato provvisoriamente chiuso al traffico il tratto della strada statale 81 “Piceno Aprutina”, compreso tra il km 71 (località Cellino Attanasio) e il km 73 (località Montefino), in provincia di Teramo.
Il traffico è stato deviato sulla viabilità locale.

A SILVI ESONDATO  IL TORRENTE CERRANO, BLOCCATA LA SS 16 IN ZONA NORD

E’ straripato il torrente Cerrano, SS 16 bloccata a causa dell’allagamento delle strade circostanti. Il torrente ha superato gli argini a causa delle abbondanti piogge che stanno interessando il territorio da mercoledì scorso, e si è riversato interamente sulle strade circostanti, causando allagamenti anche nei pressi delle abitazioni vicine. Subito allertate protezione civile, croce rossa e vigili urbani, che prontamente, hanno chiuso la SS 16 dal bivio per Silvi Paese, fino al centro commerciale Universo. 

La pioggia non accenna a diminuire, diversi i punti allagati sul territorio silvarolo, tra cui la pineta, dove sfocia il torrente Cerrano e la zona nord. A rischio esondazione anche il torrente concio, che rischia di superare gli argini alla foce da un momento all’altro. Sulle spiagge si sono depositati diversi detriti, tra rami e altri ingombranti che sono finiti a mare spinti dal forte vento. In questo momento si stanno adoperando tutte le contromisure, al fine di impedire altri danni al territorio. «Siamo intervenuti prontamente» dice il sindaco da subito sul posto. «Stiamo prendendo le dovute contromisure, al fine di garantire la sicurezza e successivamente il ripristino della viabilità, nei tempi più celeri».

AUTO IN PANNE A TORTORETO

Auto in panne nei sottopassi ferroviari della costa, alberi sradicati finiti in strada ed allagamenti ovunque. Alcuni sottopassi della costa nord teramana sono stati chiusi al transito. In quello di via Da Vinci a Tortoreto un'auto è rimasta sepolta dall'acqua. Acqua ed auto in panne anche nel sottovia che collega il centro commerciale Val Vibrata con il Parco Arcobaleno e l'A14. A Tortoreto, in collina, in via Muracche un albero è caduto finendo sulla strada mentre molte strade di collina sono diventati fiumi di fango e acqua.

PERICOLO FRANE

Sotto attento monitoraggio la situazione delle frane: soprattutto nella zona di Atri e anche nei pressi di Basciano gli smottamenti stanno creando qualche difficoltà alla transitabilità.

TURISTA RISCHIA DI ANNEGARE IN ASCENSORE 

Ad Alba Adriatica in via Siena, un turista di 57 anni di Verona ha rischiato di morire annegato in ascensore. Stava scendendo al piano seminterrato quando e' stato travolto dall'acqua restando bloccato all'interno. E' stato salvato dai vigili del fuoco mentre sul posto sono arrivati anche i carabinieri. Il vano ascensore era pieno d'acqua e la cabina non ha fatto altro che aumentare il volume del vano stesso facendo penetrare a pressione l'acqua all'interno. 

 

PROBLEMI ALLA VIABILITA’

E’ stato provvisoriamente chiuso al traffico, in entrambe le direzioni, il tratto della strada statale 80 “Raccordo di Teramo” all’altezza del km 16,000, in località Mosciano Sant’Angelo. Il traffico, al momento, è deviato sulla strada statale 80 “del Gran Sasso d’Italia”. Sempre sulla strada statale 80 “Raccordo di Teramo” si segnalano rallentamenti all’altezza del km 13,000 per un allagamento del piano viabile. Sulla strada statale 80 “del Gran Sasso”, a causa di allagamenti, smottamenti e frane nel territorio circostante, si registrano rallentamenti nel tratto compreso tra il km 55,000 e il km 70,000.

Sulla strada statale 150 “della Valle del Vomano”, per la pioggia incessante, il traffico è rallentato tra Montorio al Vomano e Roseto degli Abruzzi.