INVESTIMENTI E PROTESTE

Nuovo ipermercato a Vasto. «Il Comune ci guadagna poco»

“Progetto per Vasto”: «poche garanzie»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1986

Luciano Lapenna

Luciano Lapenna

VASTO. Blocchi di cemento. Dietro cui, spesso, nascono polemiche.

A Vasto il progetto di costruzione di un nuovo centro commerciale avanzato dalla ditta Litos srl sta facendo discutere. Secondo il gruppo consiliare “Progetto per Vasto”, il Comune che ha approvato il piano particolareggiato «guadagnerà poco dall’accordo con i privati».
Il gruppo ha chiesto perciò all’amministrazione comunale una rivisitazione della convenzione e del piano particolareggiato, così come adottato, prima della sua pubblicazione.

IL PROGETTO
Il progetto avanzato dalla Litos srl prevede la realizzazione di un albergo e di un centro commerciale di media distribuzione, nei pressi del palazzetto dello sport, sulla Circonvallazione Istoniense, sui terreni, in parte, di proprietà del Comune.
I partners dell’accordo sono i privati “Litos” (già proprietaria di altre strutture in città) e “Della Vecchia”. Sul terreno esteso per 17.120 mq, insistono aree di proprietà della Litos srl per 14.600 mq, di un altro privato per 522 mq e del Comune di Vasto per circa 2000 mq.
La partecipazione dell’Ente produrrà come beneficio per il patrimonio pubblico la realizzazione di un parcheggio scoperto, adiacente all’ipermercato; la realizzazione di alcune opere di urbanizzazione come la sistemazione delle strade adiacenti, gli impianti di acqua potabile e d’innaffiamento, le fognature, la rete del gas, quella di distribuzione di energia elettrica, l’illuminazione e la sistemazione degli spazi verdi pubblici, «tutto adeguato alle esigenze dell’ipermercato e dell’albergo», ha sottolineato il gruppo.
Il 24 agosto scorso il Consiglio comunale è stato chiamato a pronunciarsi sul piano particolareggiato che prevede l’edificazione dell’ipermercato esprimendo parere positivo. Favorevoli sia la maggioranza che la minoranza. Contrari i due consiglieri comunali Massimo Desiati e Andrea Bischia di “Progetto per Vasto”.

«IL COMUNE NON CI GUADAGNA»
Secondo “Progetto per Vasto” il Comune non guadagnerà molto dall’accordo. Il gruppo che è favorevole alla realizzazione di una nuova struttura ricettiva nella parte alta della città è convinto però che la sua realizzazione «sia più un alibi per giustificare l’apertura di un nuovo ipermercato».
Ecco i motivi per cui dubitare: mentre per l’ipermercato, dice il gruppo, «si profila l’immediata concretizzazione, per l’hotel devono ancora iniziare le trattative per l’individuazione dei finanziatori interessati alla sua realizzazione. Inoltre il Comune, prima di aderire alla convenzione proposta da Litos srl, non ha fatto compiere alcuna stima del valore effettivo del terreno conferito, anche al solo fine di valutarne il peso finanziario. Così come ci si chiede se il terreno di proprietà comunale inserito nel piano particolareggiato sia stato oggetto di adeguata valorizzazione attraverso il piano delle valorizzazioni e delle alienazioni immobiliari».
Il Comune, che rappresenta, appunto, il 12% del comparto (visto che è proprietaria di 2000 mq), avrebbe dovuto ottenere già un valore pari alla quota di superficie detenuta, cioè il 12%.
«Anche se l’Ente non ha alcun interesse a detenere una quota del futuro centro commerciale o della futura struttura ricettiva», ha precisato “Progetto per Vasto”, «non può esimersi dal rivendicare un valore proporzionale alla quota parte di comparto detenuta, nell’interesse generale