DISSESTO IDROGEOLOGICO

Pineto post allagamenti, una mozione di sfiducia per il sindaco Monticelli

Domenica ci sarà un corteo pubblico diretto a Palazzo di Città

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2484

Pineto post allagamenti, una mozione di sfiducia per il sindaco Monticelli

PINETO. Una petizione popolare, un corteo pubblico, una mozione di sfiducia per il sindaco Monticelli.
Sono le iniziative di Pineto post allagamenti. O, vista dalla prospettiva di alcuni, «di Pineto post catastrofe scongiurata».
Dopo la rabbia e la frustrazione della gente che ha dovuto fare i conti con un’emergenza importante ecco che arriva il conto per la Giunta Monticelli.

MANIFESTAZIONE E RICHIESTE
E così il “Movimento per un’altra Pineto possibile” ha organizzato una petizione popolare per chiedere al Comune la revisione del piano idraulico dei torrenti, la piantumazione nelle zone franose individuate nello studio geologico redatto da tempo dall’ufficio, la rinaturalizzazione, la pulizia, la manutenzione ed il ripristino di fossi e canali: il gruppo ha chiesto al sindaco di assicurare una severa azione di controllo dell’applicazione del piano di polizia rurale, il rispetto delle prescrizioni del Pai (piano assetto idrogeologico) e quindi il mantenimento delle zone agricole a rischio idrogeologico non edificabili.
Lo stesso movimento ha indetto, poi, un corteo pubblico che si terrà domenica 16 settembre alle 10.00 presso la rotonda della zona Corfù su viale D’Annunzio. Il tema della manifestazione è “Uniti contro l’incompetenza e l’indifferenza dei nostri amministratori, stanchi di essere infangati”. Il corteo si muoverà fino al largo Sant’Agnese, nei pressi del Comune. In quella sede verrà data la parola a tutti quelli che vorranno esprimere la loro.
«E’ meno oneroso investire economicamente sulla prevenzione anziché su misure post disastro», ha detto il movimento, «i disastri ambientali in altri territori italiani sono stati preceduti da alluvioni e smottamenti. E’ perciò importante fare qualcosa ora».

LA MOZIONE DI SFIDUCIA
Picchia duro anche il gruppo Sel di Pineto che presenterà una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Monticelli.
«Il sindaco e la sua Giunta», ha detto Sel, «non hanno provveduto a mettere in campo tutte le azioni necessarie per la prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico, visto che oggi si mostrano preoccupati solo di scaricare le proprie responsabilità tentando di addebitarle ad altri enti oltre che anche ai propri cittadini, anziché ricercare ed attuare idonee misure per la messa in sicurezza dell'intero territorio; il sindaco unitamente alla propria Giunta non sono più in grado di guidare il paese e di tutelare l'incolumità dei propri cittadini».
Giorni fa il sindaco Lucinao Monticelli ha istituito una commissione di inchiesta per scovare le responsabilità
che, a suo dire, non sono assolutamente addebitabili alla sua amministrazione.