IL CASO

Affitto stadio, ‘sconti’ al Pescara… e al Lanciano tariffa intera

La squadra neo promossa in serie B spende dai 500 ai 900 euro in più rispetto al Delfino. Il Pescara ha però speso un milione in lavori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2545

I recenti lavori

I recenti lavori

PESCARA. Due richieste per poter usare lo stadio Cornacchia per la stagione 2012/2013.
Una è arrivata dalla Virtus Lanciano, approdata in serie B e con la necessità di un campo a norma (quello di casa non è disponibile), e l’altra dalla Pescara calcio. Due permessi accordati per l’utilizzo del campo con relativo tariffario.
Quello per i lancianesi è più elevato rispetto a quello riservato ai pescaresi. Perché? Difficile, leggendo le carte, dare una risposta precisa ma di sicuro gli ‘ospiti’ devono provvedere anche ad una manutenzione extra del campo per non creare problemi alla squadra ‘padrona di casa’.
Il 20 luglio scorso dal Comune parte la risposta al Lanciano. La firma il dirigente Tommaso Vespasiano (settore gestione patrimonio immobiliare). Il 30 luglio, dieci giorni dopo, parte la risposta alla Pescara calcio. La firmano il dirigente Vespasiano e l’assessore Nicola Ricotta.
Ma anche i costi sono diversi. Al Lanciano vengono chiesti 2.156,80 euro come canone di utilizzo dello stadio senza luci. Al Pescara 1.611,72 euro. Ben 545 euro in più per la squadra in serie B.
Il prezzo sale a 2.761,22 euro per il canone di utilizzo dello stadio con luci per il Lanciano e 1.856,14 euro per il Pescara. 905 euro di differenza.
Tariffa unificata (1.996 euro), invece per l’«effettuazione della pubblicità».

Nella lettera indirizzata al Lanciano compaiono inoltre altre voci che per il Delfino non ci sono. Come mai?
Sono voci a carico del Comune di Pescara? Sono servizi di cui la società di Sebastiani non usufruisce? Ci sono 7 mila euro (+ Iva) per i servizi di assistenza tecnica agronomica (per il periodo 31 agosto-31 dicembre). Il Comune dice che bisogna contrattualizzare questo rapporto con il Coni.
Inoltre ci sono 9.100 euro (cifra meramente indicativa) per i gruppi elettrogeni (per ogni singola partita) e si consiglia anche una ditta edile elettrica di Pescara alla quale rivolgersi. Sulla lettera indirizzata al Pescara alla voce stessa voce viene detto solo che in occasione delle partite serali dovrà procedere «a propria cura ed onere alla locazione di oppositi gruppi elettrogeni». Nessun costo indicato né nomi di ditte.
Per il Lanciano ci sono inoltre altri 5.730 euro mensili per la manutenzione del verde in considerazione delle «attività supplementari di manutenzione». E viene indicato anche un vivaio di Pescara al quale rivolgersi.
Al Lanciano si dice infine «ai fini puramente collaborativi» che la società dovrà provvedere «a proprie cure e spese alla delimitazione dell’area di prefiltraggio con adeguate transennature» così come indicato dalla questura.
Il Pescara proprio quest’anno, invece, per le nuove transenne ha speso un bel po’ di soldi: tra adeguamento delle tribune e degli spogliatoi, la messa a norma dei tornelli e l'acquisto delle nuove recinzioni per l'area di prefiltraggio, se ne sono andati un milione di euro.
a.l.