ACQUA E POLITICA

Crisi idrica, ad Orsogna «acqua per 4 ore al giorno»

Sindaco chiede sportello per cittadini alla Sasi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1412

Crisi idrica, ad Orsogna «acqua per 4 ore al giorno»
ORSOGNA. Una situazione difficilissima quella causata dalla crisi idrica in paese.

Le abitazioni hanno acqua per non più di quattro ore al giorno: il sindaco Alessandro D'Alessandro è in continuo contatto con il presidente della Sasi Spa, Domenico Scutti, al quale - sottolinea il primo cittadino - «va dato atto dello sforzo e della sensibilità dimostrate nei confronti dei nostri problemi. Ma ciò non può essere sufficiente. L'erogazione spezzettata del servizio continua a creare disservizi importanti».
Le ultime modifiche che si sono rese necessarie per garantire l'acqua alle scuole, prossime alla riapertura, hanno infatti comportato come conseguenza la sospensione del servizio al mattino per la Casa di riposo, la Cantina sociale e il Distretto sanitario. Si possono immaginare i problemi per gli utenti e il personale di queste strutture. «Per questo - prosegue D'Alessandro - ho chiesto alla Sasi di procedere a un'apertura generalizzata al mattino per dare alla comunità lo stesso servizio nella stessa fascia oraria».
Il sindaco chiede inoltre che la Sasi apra a Orsogna, sede dell'Unione della Marrucina, uno sportello di front office al quale, anche solo una volta a settimana, i cittadini del territorio possano avere ascolto da parte dell’ente che gestisce il servizio idrico. A tal fine D'Alessandro metterà gratuitamente a disposizione della Sasi una stanza del Municipio.
Durante l’estate D’Alessandro ha ricevuto le lamentele dei cittadini esasperati per la mancanza di acqua. In paese i più fortunati hanno potuto contare su non più di quattro ore di acqua al giorno, ma parte della popolazione nemmeno su quelle.
«I Comuni non sono in grado di dare risposte - spiega D’Alessandro - perché l’intera gestione del ciclo idrico è nelle mani della Sasi. E’ frustrante essere di fatto l’unico interlocutore dei cittadini, ma poter fare poco o nulla. Noi sindaci siamo lasciati soli davanti ai problemi idrici. Le prospettive per il futuro sono pessime e questo, per quanto mi riguarda, è motivo di grande delusione. Ero fiducioso che la Sasi volesse finalmente programmare in tempo utile un progressivo miglioramento del sistema di approvvigionamento dell’acqua nella nostra zona. Non è così».
Il sindaco di Orsogna ritiene pertanto «inopportuna» la propria presenza alle prossime assemblee dei sindaci convocate dalla Sasi. «Probabilmente - sottolinea D’Alessandro - Orsogna non è un Comune abbastanza grande per ricevere le giuste attenzioni. E’ allora inutile partecipare agli stanchi rituali di incontri nei quali si dà fiducia a progetti e promesse cui poi non segue assolutamente nulla. E’ un gioco al quale, francamente, non ha più senso partecipare».

SASI: «DALLE 16 ALLE 14 SERVIZIO GARANTITO» 
La Sasi Spa ha accolto la richiesta del sindaco di Orsogna, Alessandro D'Alessandro, il quale aveva sollecitato l'erogazione idrica nelle ore mattutine a tutte le utenze del paese, e non, come avvenuto fino a oggi, in maniera diversificata (parte del paese al mattino, parte la sera, a giorni alterni). Da domani, martedì 11 settembre, la Sasi ha pertanto garantito l'erogazione dell'acqua a tutte le utenze del Comune di Orsogna dalle ore 6 alle ore 14.
SASI: «DALLE 16 ALLE 14 SERVIZIO GARANTITO» 
La Sasi Spa ha accolto la richiesta del sindaco di Orsogna, Alessandro D'Alessandro, il quale aveva sollecitato l'erogazione idrica nelle ore mattutine a tutte le utenze del paese, e non, come avvenuto fino a oggi, in maniera diversificata (parte del paese al mattino, parte la sera, a giorni alterni). Da domani, martedì 11 settembre, la Sasi ha pertanto garantito l'erogazione dell'acqua a tutte le utenze del Comune di Orsogna dalle ore 6 alle ore 14.