POLEMICHE DA SERIE A?

Biglietti omaggio. «Sebastiani mostri i conti della Pescara calcio»

Il patron della squadra: «livelli bassissimi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2857

Il sindaco con Sebastiani

Il sindaco con Sebastiani

PESCARA. Passano i giorni ma la polemica sullo stop ai biglietti omaggio allo stadio per i politici pescaresi non scema.


La Commissione consiliare Finanze terrà nei prossimi giorni una ispezione presso lo stadio Cornacchia. Il presidente Sebastiani è sereno: «verranno a vedere quanto di buono è stato fatto», ma dice anche «siamo arrivati a livelli bassissimi».
Il presidente del Delfino, fresco di serie A, si domanda perché questi controlli non siano stati fatti prima e non nasconde la propria sorpresa. «Mi fa specie che dopo 15 giorni dalla polemica scatti l’ispezione. Vadano a controllare, di certo io non mi porto a casa gli spogliatoi, gli sky box o gli spazi riservati ai disabili. Sono assolutamente tranquillo e soddisfatto».
Se proprio deve chiedere scusa per qualcosa, dice Sebastiani ironico, «chiedo scusa alla città per averla portata in serie A. Forse qualcuno non si rende conto del movimento che abbiamo portato, bastava vedere il giorno della partita dell’Inter, giornalisti di tutta Italia negli alberghi della città, ristoranti pieni dopo la partita. Ci vuole molto poco per capire ma evidentemente quello che abbiamo fatto è stato un danno e allora chiedo scusa».
Ma Alessandro Baldati della federazione provinciale della Destra chiede al presidente di dimostrare come ha speso i soldi, spostandosi dalla polemiche sulle tessere omaggio a quelle sul mercato acquisti del Pescara calcio, sulla gestione della squadra e i suoi risultati per ora negativi.
«La società ha imposto dei prezzi per abbonamenti e biglietti tra i più alti d'Italia, ha fatto assumere un tono di importanza alla sua società, come se il Delfino fosse diventato il Real Madrid. Non vale la pena, inoltre, scannarsi per una tessera omaggio, tantopiù che non parliamo della squadra più forte del mondo».
Baldati chiede a Sebastiani di mostrare il bilancio della Delfino Pescara che tra diritti televisivi, cessione di Verratti , abbonamenti e biglietti, sponsors, gadgets, «ha incassato decine di milioni di euro, e speso sicuramente di meno per la campagna acquisti. Se non è così, mostri i bilanci alla stampa e li renda pubblici».
Sulle scuse di Sebastiani di aver portato la squadra in serie A Baldati poi non ha dubbi: «c’è da ringraziare Zeman, perchè il merito è stato tutto suo: con una squadra costata pochissimi soldi ha compiuto una grande impresa e gliene sono grato».
Il consigliere Fausto Di Nisio, che nei giorni scorsi aveva mostrato la lista di tutti i consiglieri che nel 2011 hanno ritirato i biglietti omaggio, invece, non ha dubbi: «la città è grata alla Pescara Calcio ma ci sono regole da rispettare che nulla hanno a che fare con gli abbonamenti gratuiti».
Di Nisio chiede operazione di trasparenza a Sebastiani: «tirate fuori questi “fantomatici” elenchi degli ultimi anni cosi che tutti possiamo conoscere quali soggetti il nostro amato sindaco voleva omaggiare.
Io per primo ve ne sarò grato».
a.l.