SPENDING REVIEW

Spoltore Ensemble, il sindaco Di Lorito: «sciolto per debito verso il Comune»

Il sindaco assicura: «il Festival è salvo»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4279

Spoltore Ensemble, il sindaco Di Lorito: «sciolto per debito verso il Comune»
SPOLTORE. Il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito rompe il silenzio sull’ente Spoltore Ensemble, sciolto sabato scorso, nel corso dell’assemblea straordinaria dei soci.

Nei giorni passati la mossa ha attirato numerose critiche, soprattutto legate alla mancata consultazione della commissione consiliare competente e della conferenza dei capigruppo prima della decisione. Ed alla mancata convocazione di un incontro pubblico richiesto dal capogruppo del Pdl Marina Febo per discutere su questioni importanti per la città.
Il sindaco ha spiegato i motivi alla base della scelta di liquidare l’ente senza fare alcun cenno alle vicende dei giorni scorsi.
A determinare lo scioglimento sono state: la recente modifica della normativa in materia di gestione dei servizi comunali, le perdite di esercizio, seppur minime, accertate in alcune annualità di bilancio dell’Ente, il deficit non consentito dalle previsioni statutarie dell'organismo e un debito nei confronti del Comune.
Quanto al festival Spoltore Ensemble, colonna portante della cultura nel territorio, che quest'anno compie 30 anni, il sindaco assicura: «nonostante le difficoltà e i tempi ristretti, stiamo lavorando per organizzare la consueta manifestazione estiva, che sarà gestita direttamente dal Comune».
Non si tratta dunque di una scelta politica, tiene a precisare Di Lorito, ma di un atto dovuto, a cui seguirà di prassi un passaggio al prossimo Consiglio comunale.
«Non si potevano chiudere gli occhi e far finta di nulla», ha detto, « di fronte ad evidenti criticità e la liquidazione, apparentemente drastica e repentina, era un’esigenza improcrastinabile».
Poi i ringraziamenti di rito «a tutti coloro che, negli anni, si sono adoperati con passione e spirito volontaristico per mantenere alto il nome della manifestazione».