IL SUICIDIO

Trovato strangolato con filo elettrico, «disperato per problemi economici»

Scartate tutte le altre ipotesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3918

Trovato strangolato con filo elettrico, «disperato per problemi economici»
ALBA ADRIATICA. Il corpo senza vita di un uomo, romeno, F.P. di 45 anni è stato trovato nel pomeriggio ad Alba Adriatica.

A dare l'allarme è stata una telefonata al 118 che ha chiesto l’invio immediato di un' ambulanza sul posto.
Il tragico evento è accaduto in via primo maggio. Secondo una prima ricostruzione l’uomo si sarebbe impiccato e avrebbe approfittato dell’uscita della moglie per compiere il tragico gesto. Solo in casa, avrebbe utilizzato un cavo elettrico, attaccato ad una trave, come cappio.  Prima di impiccarsi avrebbe bevuto due bottiglie di vino.
E’ stata proprio la donna, una volta rientrata in casa, a trovare l’uomo senza vita. La moglie ha immediatamente chiamato i soccorsi, in preda alla disperazione.  Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto, però, non c’era più nulla da fare. Nell’appartamento sono arrivati i carabinieri della compagnia di Alba Adriatica che hanno ascoltato il racconto della donna. Gli inquirenti escludono altre piste e sostengono che l’uomo si sia tolto la vita per le sofferenze fisiche ma soprattutto per i disagi economici. Il romeno viveva chiedendo l'elemosina ai semafori di Alba Adriatica. Ha vissuto per diverso tempo senza una gamba che gli era stata amputata per il diabete. Aveva  otto figli, tre dei quali vivono al Nord. Solo cinque giorni fa, sempre  nel Teramano, un altro caso di suicidio. In quel caso a togliersi la vita è stato un giovane imprenditore con problemi economici.