DENUNCE

Scippi a Lanciano, denunciata una donna per ricettazione

Si cercano ancora gli autori materiali dei furti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1543

Scippi a Lanciano, denunciata una donna per ricettazione
LANCIANO. Svariati scippi hanno diffuso nei giorni scorsi il panico tra la popolazione frentana.

Difficile stabilire un orario in cui i delinquenti hanno preferito muoversi, perché gli orari sono stati dei più disparati; e difficile è stato stabilire un identikit dei soggetti, in quanto spesso i malfattori hanno agito con il volto coperto dal casco, talvolta a bordo di motociclo e talvolta, addirittura, a piedi.
Di sicuro, è stato chiaro fin da subito che si sono mossi indisturbati in pieno centro anche nelle ore di punta. Così, i Carabinieri della Stazione di Lanciano si sono messi sulle loro tracce, cercando un elemento, un qualunque indizio che potesse condurre agli scippatori. Fondamentale riscontro è stato quello eseguito presso tutti i “compro oro” della zona, che ha permesso di rinvenire più monili, proventi dei recenti scippi, riconosciuti dai legittimi proprietari. Da qui, è scattato il deferimento di S.C., 34enne lancianese, per ricettazione, in quanto risulta colei che materialmente ha venduto i preziosi nei negozi.

OPERAZIONE “MATTONE SICURO”
Durante i controlli in due cantieri a Torricella Peligna, rispettivamente in via del Colle e in viale del Risorgimento, sono state deferite due persone: D.C., 36enne nato in Svizzera e residente a Torricella, e D.T., 51enne di Torricella, per mancata ottemperanza ad una serie di prescrizioni. Nello specifico, il primo ha omesso di redigere il piano operativo di sicurezza e di installare un quadro elettrico di cantiere a cui poter collegare le attrezzature in uso alle maestranze e ha ritardato la comunicazione del modello Unilav, oltre ad omettere di consegnare la dichiarazione di assunzione e la tessera di riconoscimento. Il secondo, invece, ha omesso di installare il quadro elettrico.