SICUREZZA

Pescara, sgomberano accampamento abusivo e trovano latitante

La polizia provinciale ha arrestato un polacco

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1941

La zona sgomberata

La zona sgomberata

PESCARA. Nelle prime ore di questa mattina la Polizia provinciale di Pescara, diretta da Giulio Honorati, ha eseguito un intervento di sgombero in via Orazio.

L’accampamento abusivo si trovava in corrispondenza della pista ciclabile provinciale. Sono stati sorpresi a bivaccare in quel punto quattro cittadini di origine polacca che sono stati condotti al Comando per gli accertamenti del caso e poi portati in Questura (presso l’Ufficio Immigrazione e Gabinetto di Polizia Scientifica). Al termine dell’identificazione due stranieri senza precedenti sono stati rilasciati mentre Dawidm Obara, 34 anni, con precedenti per rapina, è stato arrestato perché nei suoi confronti risultava un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per evasione dagli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Pescara il 21 ottobre 2010. L’uomo è stato condotto in carcere.
Nei confronti di K.P., 32 anni, è stato emesso il provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale, a firma del Prefetto di Pescara, con divieto di rientro di almeno tre anni, pena la reclusione fino a due anni. L’uomo ha precedenti per spaccio droga, furto, furto aggravato e invasione di terreni/edifici. Nell’ambito dello stesso intervento, spiega sempre Honorati, gli operai della società Attiva spa hanno provveduto (con due mezzi) alla pulizia e al ripristino dei tratti della pista ciclabile occupati abusivamente dai quattro polacchi con materassi, coperte, sacchi a pelo, vettovaglie e altro. Honorati sottolinea infine che l’intervento di oggi rientra nei servizi di controllo sul territorio provinciale per attività generale di prevenzione e di sicurezza attuati seguendo le indicazioni delle massime Autorità Provinciali di Pubblica Sicurezza.