VIABILITA'

Cade masso sulla statale 5 nel tratto viario Gole di San Venanzio

Musti: «servono soldi per superare criticità»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2170

Cade masso sulla statale 5 nel tratto viario Gole di San Venanzio
RAIANO. Mercoledì scorso alle ore 13,30 circa, al km 166+900, prima dell’imbocco della prima galleria in direzione Raiano, un masso di dimensioni considerevoli si è staccato dalla parte rocciosa riversandosi sulla sede stradale.

Fortunatamente anche in questa occasione nessun danno si è verificato a persone o cose. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Raiano, i carabinieri di Castelvecchio Subequo, l’Anas, rappresentata dal dirigente Del Monaco e dal Capo Centro Ciccone, il presidente della Comunità Montana Sirentina, Luigi Fasciani, il sindaco di Castelvecchio Subequo, Pietro Salutari, i vigili e un rappresentante del comune di Raiano. Nel frattempo la viabilità è stata regolata a senso unico alternato e l’Anas ha fatto subito intervenire una ditta di Pescara, Sipa Srl, specializzata nell’operare su pendii rocciosi. E stata bonificata tutta la parte interessata dall’evento e sono stati rimossi i massi instabili a potenziale rischio di caduta. Eseguita la bonifica la ditta ha considerato inutile chiudere la strada ritenendo risolutivo l’intervento effettuato. «Indipendentemente da questo evento», commenta il presidente del comitato Pro Valle Subequana Berardino Musti, «a giorni dovremmo venire a conoscenza, quali opere saranno realizzate per la sicurezza del tratto viario Gole di San Venanzio, tratto ormai interessato da molteplici eventi di caduta massi. Con il presidente della Comunità Montana Sirentina e il sindaco di Castelvecchio Subequo, nel luogo dell’evento, abbiamo parlato di come l’Anas sta affrontando il problema viario delle Gole di San Venanzio, abbiamo convenuto che l’Anas sta affrontando il problema con serietà ma nello stesso tempo non ha risorse sufficienti per una definitiva messa in sicurezza di tutto il tratto viario che va dal km 161+00 al km 167+100». Fasciani e Salutari hanno ritenuto opportuno coinvolgere l’assessore alla viabilità - sicurezza stradale, Giandonato Morra, affinchè reperisca i fondi necessari occorrenti per coprire l’intero importo per l’attuazione di tutto il progetto esecutivo. «Solo attuando tutte le opere progettate», sottolinea Musti, «si potrà garantire una netta riduzione del pericolo e risolvere tutte le criticità della strada delle Gole di San Venanzio, dal primo all’ultimo chilometro. Credo che sia un sacrosanto diritto di tutta la comunità subequana la salvaguardia della propria incolumità».