LAVORO

Dipendenti Asu: la Giunta ha deliberato la proroga

Pavone: «soluzione non facile, massimo impegno per dare un futuro a tutti»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1568

Dipendenti Asu: la Giunta ha deliberato la proroga
ROSETO. I lavoratori ASU potrebbero essere reinseriti attraverso l’esternalizzazione di una parte dei servizi in cui sono utilizzati.

La volontà è stata espressa dalla Giunta Comunale nella delibera votata nel corso della riunione di ieri sera.
«La delibera con la quale l’Amministrazione comunale ha dichiarato il proprio orientamento per trovare una strada per il proseguimento del rapporto di lavoro con le 17 persone interessate è stata inviata questa mattina in Regione – ha comunicato l’Assessore al Personale Mirco Vannucci –nel corso dell’incontro con gli interessati che si è svolto nella sala Giunta alla presenza dei rappresentanti del PD e di Sel - ora attendiamo la risposta delle autorità regionali nella speranza che si possano trovare le risorse necessarie».
«Questa dei lavoratori Asu è vicenda complessa dal punto di vista giuridico e per questo non vogliamo illudere nessuno – ha commentato il Sindaco Enio Pavone – ma abbiamo comunque fatto il nostro dovere perché al contrario di quanto sbandierato da alcune forze politiche ci interessiamo del problema e lavoriamo per dare il nostro sostegno alle tante famiglie interessate».
I 17 lavoratori sono impiegati in diversi servizi, la gestione e manutenzione del patrimonio comunale e i servizi scolastici : «E’ un beneficio indubbio per l’Ente poter utilizzare tutte queste risorse nei diversi servizi – ha detto il vice sindaco Alfonso Montese nel corso dell’incontro –il nostro primo interesse è quello di conservare tutti i posti di lavoro in essere e lo faremo nei limiti delle nostre possibilità».
Secondo quanto deliberato dalla Giunta comunale, i lavoratori Asu potrebbero trovare una occupazione stabile nel caso in cui si proceda all’esternalizzazione dei servizi. In questa eventualità i lavoratori potrebbero essere ricollocati presso le imprese private che si aggiudicano l’appalto.