FUOCO IN REPARTO

Lanciano. Incendio all’ospedale. Evacuato reparto psichiatria, sospesi interventi chirurgici

Fiamme domate da vigile del fuoco fuori servizio

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3468

Lanciano. Incendio all’ospedale. Evacuato reparto psichiatria, sospesi interventi chirurgici
LANCIANO. Grande paura questa mattina all’ospedale di Lanciano a causa di un incendio.

L’allarme è scattato intorno alle 8.45 quando una densa nube di fumo si è alzata arrivando anche in alcuni reparti del nosocomio. Grande apprensione tra i malati e il personale medico e infermieristico che hanno cercato immediatamente di capire cosa stesse accadendo.
Il reparto di psichiatria, dove sono ricoverati dieci pazienti, è stato evacuato per motivi precauzionali e anche l’attività chirurgica è stata sospesa per alcune ore a causa dell'impossibilità di garantire l'erogazione dell'aria compressa, indispensabile per far funzionare correttamente alcune apparecchiature. Dopo una rapida ricognizione ci si è resi conto che il fumo proveniva dai locali adibiti allo stoccaggio delle bombole di ossigeno terapeutico. Probabilmente a causa di un corto circuito è scoppiato l’incendio e solo nel momento in cui è cominciato a fuoriuscire il fumo è scattato l’allarme. L’apprensione maggiore è stata che il fuoco potesse propagarsi e raggiungere anche le bombole di azoto e rischiare dunque una esplosione.
Il fuoco è stato domato da un vigili del fuoco fuori servizio che era casualmente sul posto insieme agli addetti della vigilanza dell’ospedale e dai tecnici della società di manutenzione degli impianti ospedalieri.
Nel frattempo dal distaccamento dei vigili del fuoco di Lanciano sono partite tre squadre di pronto intervento compresa una autoscala. Un mezzo è arrivato anche da Pescara. Giunti sul posto, però, i vigili hanno potuto constatare come il problema fosse stato risolto già dal collega fuori servizio.
Le squadre, che hanno completamente transennato l’area, sono ancora sul posto per le verifiche e la messa in sicurezza. Resta da accertare le cause che hanno generato il corto circuito e le fiamme. Nessun danno a persone o cose, assicurano dall'Asl.
Sull'accaduto stanno indagando polizia e carabinieri.
a.l.