FONDI E SVILUPPO

Roseto, arrivano i fondi Fas per lo sviluppo

Pavone: «soddisfatto dell’attenzione e dei tanti impegni per la nostra città»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1137

Roseto, arrivano i fondi Fas per lo sviluppo
ROSETO. La pista ciclo-pedonale con il ponte di legno sul Vomano, lavori di ripristino dell’alveo del fiume Vomano danneggiato dall’ultima alluvione.

E poi ancora l’ampliamento e la messa in sicurezza del porticciolo turistico e il potenziamento del servizio di raccolta differenziata porta a porta. Sono questi gli interventi su cui la Regione Abruzzzo si impegna ad investire una parte dei fondi Fas nell’ambito delle politiche di sviluppo. Lo ha annunciato il presidente Gianni Chiodi nell’incontro ufficiale di ieri sera a Palazzo di Città su invito del Sindaco Pavone.
Tra i diversi fronti aperti dall’amministrazione il sindaco Pavone ha anche sottolineato la realizzazione del nuovo distretto sanitario di base e poi il futuro dell’Autoporto, infrastruttura mai avviata dalla sua costruzione.
Nel suo intervento il presidente regionale Gianni Chiodi ha riportato l’attenzione di tutti sulla situazione economica dell’Abruzzo, che dopo il risanamento dei conti della Sanità ha perso il triste primato di prima regione indebitata d’Italia, senza tuttavia poter abbandonare il percorso di riduzione della spesa pubblica che passa necessariamente attraverso i tagli ai Comuni.
«I fondi vanno cercati prioritariamente attraverso i bandi europei – ha detto Chiodi, che ha invitato a proporre idee forti sui prossimi in pubblicazione che riguardano Turismo e Ambiente. Anche il Distretto sanitario di base avrà la giusta attenzione sempre attraverso i fondi Fas, mentre per l’Autoporto si dovrà puntare al coinvolgimento di privati per evitare un nuovo carrozzone pubblico».
Al termine dell’incontro istituzionale il presidente Chiodi è intervenuto all’iniziativa promossa dal tavolo Politico di Centro-destra che all’Arena 4 Palme ha celebrato un anno di attività dell’amministrazione guidata dal sindaco Pavone. Erano presenti tra gli altri il presidente della Provincia di Teramo Valter Catarra, gli assessori Provinciali Ezio Vannucci, Francesco Marconi e Elicio Romandini