IL FATTO

Gasdotto Snam. I Comitati cittadini bombardano l’assessore Cirillo: «conflitto di interessi»

Continua la battaglia contro la costruzione dell’opera

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3180

Gasdotto Snam. I Comitati cittadini bombardano l’assessore Cirillo: «conflitto di interessi»
SULMONA. Perché tanto attivismo e perché tanto potere in mano ad una sola persona che rappresenta l’ente pubblico, in questo caso il Comune di Sulmona?

Perché una sola persona ha i rapporti con un pachiderma economico come la Snam?
Domande, tante e risposte, alcune tentate, sono state elencate questa mattina dai rappresentanti dei comitati cittadini che da mesi si battono per avere chiarezza e trasparenza su una opera gigantesca che interessa mezza Italia: il gasdotto Snam che passa anche per Sulmona.
Un’opera che taglia in due decine di regioni e che nel caso abruzzese attraversa zone sismiche non proprio qualunque. Si tratta delle stesse zone interessate e distrutte dal sisma del 2009 ma di questo sia il Comune che gli altri enti pubblici non sembrano preoccuparsene.
Questa mattina invece i cittadini hanno sparato a zero, forse sarebbe meglio dire bombardato, l’assessore Cirillo che a loro dire sarebbe «stranamente attivo» e che non sarebbe la persona più qualificata per poter trattare asetticamente ed in maniera imparziale per conto di un intero territorio. Non avrebbe insomma quell’esclusivo interesse di fare il bene comune perché altri interessi privati lo distoglierebbero. Tesi chiaramente esposte stamattina ed in qualche modo spiegate.


CHI E’ GIANNI CIRILLO
L'assessore all'urbanistica Gianni Cirillo è colui che da tempo cura i rapporti tra l'amministrazione comunale di Sulmona e la Snam Rete Gas. Si occupa in prima persona di intavolare la trattativa per un "ristoro ambientale" di 4 milioni di euro quale compensazione per la realizzazione della centrale di compressione a Case Pente. E' colui che ha voluto che si scrivesse nella delibera consiliare del 5.4.12 (votata dalla sola maggioranza) che il metanodotto non necessita di conformità urbanistica, «equiparando un'opera mastodontica, sottoposta a V.I.A. nazionale», hanno detto i comitati, «al tubo che porta il gas nelle case degli utenti». Nell’incontro contestato e promosso dal Sottosegretario De Vincenti il 10 maggio scorso, Cirillo non avrebbe difeso con fermezza le ragioni di contrarietà all'opera della Snam da parte del Comune di Sulmona, sminuendone la portata con l'affermazione che le delibere «riflettono il dibattito locale».
E' l'amministratore pubblico che più di ogni altro –dicono ancora i comitati- si sta spendendo per convincere i cittadini che l'opera della Snam "non è l'ecomostro che si vuol far credere" e che, comunque, sia la centrale che il metanodotto si faranno.


INTERESSI PRIVATI ED ECONOMICI
I comitati hanno detto che Gianni Cirillo, il geometra, «non è solo l'assessore all'urbanistica del Comune di Sulmona ma è anche un uomo del settore delle costruzioni». Sarebbe cioè, secondo quanto dichiarato, rappresentante legale e socio amministratore dell'impresa “I.S.E. di Presutti & Cirillo snc” le cui attività, elencate nell’oggetto sociale della ditta, comprendono tra l’altro la realizzazione e gestione di centrali termiche, impianti elettrici per centrali e lavori per gasdotti.
In data 22 giugno 2012 il direttore dell'Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) della Provincia dell'Aquila ha scritto una lettera alle imprese associate per informarle che «il Consiglio Direttivo ha incontrato i vertici di Snam Rete Gas che, come noto, hanno l'incarico per la realizzazione del metanodotto in Valle Peligna e della centrale di compressione e spinta del gas metano a Sulmona». Pertanto, si dice ancora nella lettera, «le imprese che volessero collaborare con SNAM RETE GAS sulla realizzazione delle opere suddette, devono certificarsi secondo le regole tracciate dalla stessa società».
Per partecipare all’appalto milionario vengono poi fornite istruzioni.
«Si dà il caso che», continuano ancor i comitati avvelenati, «il geometra Giovanni Cirillo, nonché assessore all'urbanistica del Comune di Sulmona, è – a meno che non si tratti di un caso di omonimia – il presidente di Ediconfidi L’Aquila, un settore molto importante dell'Ance che ha la propria sede presso la sede dell'Ance della Provincia dell'Aquila. Edilconfidi è la “Società Cooperativa Garanzia Fidi fra Costruttori Edili ed Imprese Affini, costituita nel 1976 per volontà della Associazione Provinciale Costruttori Edili dell’Aquila” ed assiste le imprese socie nell'accesso al credito bancario; inoltre si occupa della consulenza e dell'informazione ai soci sulle forme di finanziamento, sulle valutazioni e sullo svolgimento delle istruttorie».
«Può una persona», si domandano infine i comitati, «essere amministratore pubblico, per di più all'urbanistica, di un Comune che è contrario all'opera progettata dalla Snam e nello stesso tempo svolgere un ruolo chiave in una associazione, quella dei costruttori, che ha tutto l'interesse alla realizzazione dell'opera e che, a questo scopo, fa da tramite tra Snam rete gas e le imprese del settore delle costruzioni?»