ESTATE

Due anziani annegati nel teramano ieri. Oggi il terzo

Un incidente a Silvi l’altro ad Alba Adriatica. Stamane ancora un pensionto deceduto in spiaggia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2258

Due anziani annegati nel teramano ieri. Oggi il terzo
TERAMO. Due casi in poche ore: protagonisti due anziani turisti in vacanza sulla costa abruzzese.

Ma il tragico copione è stato lo stesso per entrambi, in una delle giornate più calde delle ultime settimane.
Rino Bovini, turista di 82 anni residente nella provincia di Bologna, e' deceduto ieri mattina per annegamento ad Alba Adriatica.
A causa probabilmente di un malore, il pensionato ha perso i sensi mentre era in acqua. L'anziano faceva parte di un gruppo di turisti del Bolognese che alloggiano presso l'Hotel President. La tragedia si e' consumata intorno alle 10,30 nello specchio d'acqua antistante la concessione balneare dello stesso hotel. Ad accorgersi del malore dell'uomo sono stati i bagnini che lo hanno portato a riva praticando le prime manovre di soccorso. Nel frattempo sul posto sono intervenuti la Croce Rossa di Alba Adriatcia con un'unita' medicalizzata e defibrillatore. Ma per strappare alla morte Bovini era ormai troppo tardi. Il magistrato ha dato il nulla osta alle esequie. Sul posto sono giunti anche gli uomini dell'ufficio circondariale marittimo di Tortoreto.

Ma sempre ieri, e sempre in acqua, è deceduto anche un altro anziano. Questa volta a Silvi: si tratta di un altro turista, Ferdinando Gnali, 84 anni. L’uomo è morto per annegamento nel tratto di mare davanti allo chalet l'Ombrellone. A nulla sono valsi i soccorso immediati dei bagnini: si presume che l'anziano sia morto per un malore in acqua.

MORTO IL TERZO ANZIANO
Un pensionato di 81 anni, V.Z., di Bolzano in vacanza a Tortoreto e' deceduto stamane in spiaggia per un improvviso malore. L'anziano, ex maresciallo dei carabinieri, ha accusato un malore mentre era in acqua ma non e' morto per affogamento. Secondo quanto e' emerso il decesso e' avvenuto sulla battigia dove l'uomo era stato adagiato dopo i primi sintomi del malore. Con V.Z. salgono a 3 i decessi in spiaggia nel Teramano in due giorni.