STIPENDI

Montesilvano, trovata soluzione per gli stipendi della scuola civica musicale

Un funzionario comunale sarà il direttore amministrativo fino a settembre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1771

Montesilvano, trovata soluzione per gli stipendi della scuola civica musicale
MONTESILVANO. Risolta la questione dei mancati pagamenti delle collaborazioni dei professori e degli stipendi dei dipendenti amministrativi della Scuola civica musicale di Montesilvano.

Nella tarda mattinata di ieri, infatti , il sindaco Attilio Di Mattia ha firmato il decreto - con decorrenza immediata - di nomina del direttore amministrativo, vacante dal 29 maggio scorso, che ha la facoltà di provvedere a dare il via libera all’erogazione dei compensi.
«Come anticipato nella riunione di lunedì scorso in Comune con il Segretario generale ed il responsabile del personale – spiega il sindaco - dopo aver fatto chiarezza sui motivi che avevano bloccato l’erogazione dei compensi per i lavoratori della Scuola civica di musica, oggi, a distanza di 48 ore, abbiamo messo in campo la soluzione».
Sarà un funzionario comunale a ricoprire il ruolo di direttore amministrativo fino al 30 settembre 2012. «In questo modo abbiamo ripristinato in tempi strettissimi, grazie alla generosa disponibilità del funzionario del settore di competenza che ha accettato l’incarico pur non essendo obbligato a farlo, l’ordinaria amministrazione per l’istituzione musicale. E’ una soluzione temporanea, ma di grande efficacia in questo momento».
Secondo Di Mattia «se fossimo stati costretti a ricorrere ad un bando pubblico per individuare una figura esterna al Comune, sarebbe passato almeno un altro mese prima dell’espletamento di tutte le pratiche burocratiche del caso. Invece, in questo modo i lavoratori che non percepiscono i compensi dal mese di aprile, così come denunciato da chi ha contribuito a costruire questa anomalia (ricordo, per chi lo avesse dimenticato, che in quel periodo era il centro destra al governo della Città), da oggi potranno essere più sereni. Dare risposte concrete ed efficienti, come i questo caso nel giro di 48 ore, significa che il processo di cambiamento è in atto, e che lo si realizzerà grazie anche all’importante e qualificato lavoro dei funzionari comunali, che voglio ringraziare per quanto stanno facendo».
«Spero solo – conclude Di Mattia - che finisca la fase della risoluzione delle emergenze lasciatemi in eredità; ma mi accontenterei anche che chi me le ha lasciate mi aiutasse, invece di lamentarsi un giorno sì e l'altro pure».