VIABILITA'

Avezzano: parte l’isola pedonale estiva

Approvati orari estivi per il passeggio cittadino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2346

Avezzano: parte l’isola pedonale estiva
AVEZZANO. Potranno circolare indisturbati in pieno centro cittadino. Per i pedoni di Avezzano buone notizie: da domenica scatterà l’isola pedonale estiva.

La decisione votata all’unanimità dalla Giunta di Pangrazio regalerà ai cittadini un’oasi di passeggio nelle strade principali per i tre mesi estivi.
Gli orari di limitazione del traffico veicolare scatteranno alle 10.00 nei giorni festivi, mentre in quelli feriali lo stop alle auto entrerà in vigore alle 21.00, con riapertura alle 2.00.
Le strade interessate sono  via Corradini (da via G. Garibaldi a via Trento esclusa); via Marconi (da via Corradini all'uscita del parcheggio ex Inail); via Fontana (dall'accesso del parcheggio ex Inail a via Marconi); via Trieste (da via Diaz a via Corradini); corso della libertà (da via Corradini a via Diaz);  via Cataldi (da via N. Sauro a via Corradini); via Vittorio Veneto (da via Amendola a via Bagnoli); via Amendola (da via Cataldi a via Vittorio Veneto), via Monte Zebio (da via Vittorio Veneto a via Cataldi).
Le pattuglie di vigili urbani guidate da Luca Montanari presidieranno la zona e gestiranno le barriere ad apertura e chiusura comandata, anche manualmente. Alle aree a traffico off limits potranno accedere forze di polizia e persone autorizzate.
Dal 16 settembre poi si ritornerà al vecchio orario: l'isola estiva lascerà spazio a quella invernale nella terza domenica del mese, quando la limitazione al traffico sarà ridotta ai soli giorni festivi e dalle 10.00 alle 21.00.
«L’iniziativa», ha affermato il sindaco Giovanni Di Pangrazio, «rappresenta un punto di aggregazione importante per la comunità cittadina e per la Marsica. L'isola pedonale, soprattutto nella fase estiva,  punta a favorire l'incontro tra le comunità per  stimolare le relazioni sociali, un elemento base per la crescita umana e la convivenza tra i popoli».