AMBIENTE

Imprenditori gestiranno Punta Aderci. Maggioranza La Penna si spacca

Sel si è opposta all’odg della maggioranza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1155

Imprenditori gestiranno Punta Aderci. Maggioranza La Penna si spacca
VASTO. Lo strappo, forse, era inevitabile.

Ieri l’ordine del giorno sull’ambiente in Consiglio ha spaccato la maggioranza Lapenna. Da un lato il sindaco con alcuni dei suoi, dall’altro Sel (Sinistra Ecologica e Libertà).
Il documento della discordia prevede  l’ingresso degli imprenditori (membri di Confindustria) nella gestione della Riserva Naturale di Punta Aderci. Sel ha risposto con un netto no ed il sindaco ha proposto una mediazione: l’ingresso nel Comitato di Gestione di un rappresentante del Coasiv e di un rappresentante delle associazioni ambientaliste nazionali per bilanciare la presenza degli imprenditori.
Il documento che porta anche la firma di Corrado Sabatini (vicinissimo all'adesione al Psi), Domenico Molino e Maria Amato (Pd) è stato ritirato da Lapenna salvo poi essere ripresentato da un gruppo di consiglieri di maggioranza con  un emendamento del sindaco. Il testo è passato, alla fine, con 12 voti favorevoli, 6 contrari e l’astensione dei 2 consiglieri di Sel: Maurizio Vicoli e Mauro Del Piano.
«Nessun comitato di gestione delle riserve ha un rappresentante di Confindustria», è stata la linea di Maurizio Vicoli capogruppo di Sel, «questa proposta va contro la legge istitutiva dell’area naturale di Punta Aderci, che fu approvata nel 1998 dal Consiglio regionale su proposta di Luciano Lapenna, attuale sindaco di Vasto».
Il sindaco nel ringraziare i firmatari della proposta ed il Consiglio comunale per aver approvato l’ordine del giorno ha rimarcato «il comportamento Sel che ha voluto differenziare il suo punto di vista nonostante gli accordi raggiunti, in una riunione di tutta la maggioranza».
«Spiace dover rilevare», ha detto il primo cittadino,  «tutto questo dopo che l’assessore Anna Suriani ha avuto in questi anni la delega piena a presiedere il Comitato di Gestione della Riserva. Sel ha deciso di contrastare la mediazione del sindaco solo per segnare la differenza ed accogliere l’appello di alcuni irriducibili apparso sulla stampa in questi giorni che si esprimevano per il non voto. Quanto accaduto è dannoso per la Riserva e porterà a rinfocolare le posizioni accarezzate in passato dal centrodestra vastese con buona pace per chi, da sempre, ha difeso l’ambiente e ha a cuore il vero sviluppo eco-compatibile del territorio».