CULURA E LAVORI

L’Aquila, partita manutenzione straordinaria del teatro comunale

I lavori andranno avanti fino a settembre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4083

Com'era

Com'era

L’AQUILA. Le nicchie della scalinata di San Bernardino, totalmente ripulite grazie ad un intervento di manutenzione ordinaria operato dall'assessorato alle Opere Pubbliche del Comune dell'Aquila.

L'intervento, terminato lo scorso 4 giugno, ha previsto anche la tinteggiatura della scalinata ed il trattamento anti graffio di imbotti e parti in pietra. E' partito oggi, invece, e si protrarrà sino alla metà di settembre, il progetto di manutenzione straordinaria del Ridotto del Teatro Comunale.
«Un intervento importante - ha commentato l'assessore Alfredo Moroni - che prevede una serie di opere di completamento dell'impiantistica, la finitura dei camerini, opere di falegnameria, l'impermeabilizzazione del terrazzo nord che copre i camerini e di quello posto a sud- est, nonchè le tinteggiature interne e la sistemazione del palcoscenico».
L'importo del progetto e' di 80mila euro. Partiranno, invece, il prossimo 18 giugno, i lavori per il rifacimento del manto dello stadio Comunale Tommaso Fattori. Si tratta di una manto sintetico, per la realizzazione del quale e' stata prevista una spesa di 35mila euro.
«L' amministrazione Comunale - ha proseguito l'assessore - sta affrontando una serie di problematiche anche nell'ambito della viabilità comunale; sulla S.S. 80, ad esempio, dobbiamo realizzare un marciapiede per evitare di tagliare degli alberi della specie Pinus pinea, tra i pochi esemplari esistenti sul territorio. Un percorso alternativo ed esterno alle piante, insomma, che verranno tutelate anche attraverso una barriera in metallo, tra gli alberi e la strada».
Questi alcuni dei lavori che l'Amministrazione comunale sta portando avanti. «Agli aquilani - ha concluso Moroni - chiediamo un po' di pazienza per eventuali disagi che si dovessero creare. Stiamo lavorando perche' la Citta' torni al piu' presto in condizioni di vivibilita' e questo comporta un piccolo sacrificio da parte di noi tutti. L'Aquila sara' il cantiere piu' grande d'Europa; dobbiamo, sin da ora, abituarci a vivere accompagnati dal suono dei martelli pneumatici o al passo lento di ruspe e camion».