TERREMOTO

Ricostruzione L’Aquila, Barca rassicura: «stiamo accelerando. 90 milioni per il de minimis»

621 cantieri aperti in primi cinque mesi anno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3182

Ricostruzione L’Aquila, Barca rassicura: «stiamo accelerando. 90 milioni per il de minimis»
L'AQUILA. «C'è il via libera al de minimis per 90 milioni. Ho parlato con Passera 20 minuti fa e posso annunciare che sara' firmato in giornata».

Lo ha detto il ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca, all'Aquila per definire il nuovo assetto della "governance" della ricostruzione, che ha illustrato i nuovi incentivi alle piccole e micro imprese dell'Aquila sotto forma di agevolazioni fiscali e contributive.
«Ci sara' un'esenzione delle imposte sui redditi, su Irap, su Imu - ha aggiunto l'inviato speciale della ricostruzione post-sisma del presidente del Consiglio dei ministri, Mario Monti - oppure, a scelta, sui versamenti Inps e Inail del personale. Una riserva del 10% sara' dedicata al centro storico e una del 20% per le nuove imprese».


621 NUOVI CANTIERI
Nei primi cinque mesi del 2012 all'Aquila hanno aperto 621 nuovi cantieri per il recupero di edifici privati classificati E, quelli con gravi danni strutturali, con un raddoppio rispetto al periodo agosto-dicembre 2011.
In accelerazione anche il numero delle domande di contributo per la ricostruzione degli stessi edifici classificati E approvate dalla filiera: +144% rispetto agli ultimi cinque mesi del 2011 con 3.108 pratiche rilasciate, con l'importo dei contributi concessi dal Comune che ha raggiunto la quota di 855 milioni di euro, di cui più della metà solo nei primi cinque mesi del 2011.
Sono alcuni dei dati emersi dall'incontro che il ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca, inviato dal premier per la gestione della ricostruzione, sta tenendo all'Aquila per illustrare lo stato di avanzamento delle misure urgenti per la semplificazione, il rigore e il superamento dell'emergenza del dopo sisma in Abruzzo decise dal Governo nei mesi scorsi.
«Negli ultimi cinque mesi si è indubbiamente accelerata l'attività legata alla ricostruzione, in particolare sugli edifici classificati E sullo smaltimento delle macerie - ha spiegato Barca - c'é da velocizzare la situazione legata alle opere pubbliche dove va migliorato il quadro di riferimento».


RIMOZIONE MACERIE
A proposito della rimozione delle macerie pubbliche, il ministro ha spiegato che sono 98 mila le tonnellate prelevate dal mese di gennaio, con un raddoppio rispetto agli ultimi cinque mesi dello scorso anno, «tra l'altro a giorni - ha annunciato Barca - ci sarà l'introduzione di un sistema di tracciabilità dei rifiuti».
Sempre secondo il resoconto tracciato da Barca, si è incentivato, anche attraverso sanzioni, l'avvio e la conclusione dei cantieri, si sono ridotti i compensi degli amministratori di condominio e resa più competitiva la selezione di progettisti e imprese. Al 6 giugno sono state 235 le richieste di iscrizione da parte di imprese alla white-list, cioé le liste certificate istituite per prevenire le infiltrazioni criminali e garantire l'affidabilità professionale delle imprese che voglio proporsi per l'attività di ricostruzione. All'incontro hanno partecipato oltre ad alcuni sindaci del cratere anche il commissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, il presidente della provincia dell'Aquila, Antonio Del Corvo, e il sindaco del capoluogo, Massimo Cialente.


I NUMERI
Nei primi cinque mesi del 2012, L'Aquila ha assistito all'apertura di 621 nuovi cantieri per edifici privati "E" (gravi danni strutturali), con un raddoppio rispetto al periodo agosto-dicembre 2011. In accelerazione sempre a L'Aquila il numero delle domande di contributo per la ricostruzione degli edifici privati con gravi danni strutturali ("E") approvate dalla Filiera (+ 144% rispetto agli ultimi cinque mesi del 2011, con 3.108 pratiche "esitate") e l'importo dei contributi conseguentemente concessi dal Comune, che ha raggiunto 855 milioni di euro, di cui piu' della meta' solo nei primi cinque mesi dell'anno. Per gli altri Comuni del Cratere: 108 pratiche "E" approvate sulle 390 ricevute, per i 29 Comuni che si avvalgono della Filiera; stima di 175 approvate per gli altri 27 Comuni, in presenza di informazioni non ancora complete.