ARRESTO

«Intestami il laboratorio o ti ammazzo». In manette un analista

Accusato di tentata estorsione e porto abusivo d’armi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2876

  «Intestami il laboratorio o ti ammazzo». In manette un analista
CASALBORDINO. Con pistola in pugno è andato dalla madre.

Una richiesta ben specifica: o mi intesti il laboratorio di analisi o ti ammazzo.
E’ finita con l’arresto, sabato scorso, la serata di un analista di Casalbordino, R.D.S., 32 anni. L’uomo ha preso una pistola, regolarmente detenuta dalla madre nella propria abitazione, e ha minacciato di morte quest’ultima qualora non avesse aderito alla sua richiesta di intestargli il laboratorio di analisi di proprietà della famiglia.
Il giovane ha abbassato l’arma solo in seguito alle assicurazioni fornitegli dalla donna terrorizzata e si è poi allontanato da casa a bordo della propria autovettura. Ma la donna, spaventata, non ci ha pensato due volte ed ha chiamato i carabinieri raccontando loro quanto accaduto.
I militari lo hanno trovato in centro a bordo della sua automobile: dopo una perquisizione hanno ritrovato anche l’arma, ancora carica, occultata sotto il sedile del mezzo. La pistola è stata sottoposta a sequestro insieme a sei cartucce.
L’arrestato, assolte le formalità di rito, su disposizione del sostituto procuratore di Vasto, Giancarlo Ciani, è stato trasferito presso la casa circondariale di Vasto, con l’accusa di tentata estorsione aggravata e porto abusivo di armi.