IL CASO

Vasto, attese al cimitero: «defunti tumulati solo due volte a settimana»

Il Comune precisa: «tumulazione immediata, muratura due volte la settimana»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2906

Vasto, attese al cimitero: «defunti tumulati solo due volte a settimana»
VASTO. «Se muori di giovedì devi aspettare il martedì successivo per essere tumulato al cimitero e se non hai 200 euro per la muratura del loculo, rischi di rimanere “scoperto”».

Lo dice il Nicola Del Prete (Fli) consigliere comunale di Vasto che ha presentato assieme al capogruppo Davide D'Alessandro, un’interpellanza al sindaco Luciano Lapenna sull’aumento del tariffario delle tumulazioni e sull’affidamento del servizio a terzi.
Il compito di tumulare i defunti è svolto dalla ditta Giattini con affidamento diretto, per un anno e per una somma al di sotto dei 20.000 euro. L’ affidamento è stato fatto dal settore patrimonio, di cui è responsabile l'assessore Vincenzo Sputore. Le tumulazioni vengono effettuate solo il martedì ed il venerdì ed il tariffario per la muratura del loculo oscilla tra i 150 ed i 200 euro.
«Non è accettabile pagare 200 euro per dodici mattoni messi in fila dopo la collocazione del loculo del caro estinto», sottolinea Del Prete, «non è pensabile, inoltre, che al cimitero di Vasto, durante il periodo estivo in cui sono vietati i trasferimenti di salme, le tumulazioni vengano effettuate solo il martedì ed il venerdì! Sapete cosa significa per quello sventurato che muore di giovedì? La sua bara, dopo un giorno o due nell'obitorio se non ci sono altre salme, viene deposta per altri due giorni nel loculo o nella cappella in attesa del martedì successivo per essere tumulata».
Il consigliere pur comprendendo la necessità di una ottimizzazione dei costi del servizio e l'affidamento diretto fatto dal settore patrimonio, non si rassegna all'idea che «i defunti non debbano avere una degna sepoltura all'indomani della loro dipartita, come è sempre avvenuto a Vasto quando ad occuparsi di questo sevizio erano i dipendenti comunali».


Il Comune ha definito puro allarmismo l’osservazione di Del Prete precisando che l’aumento da € 70,00 a € 200,00 è stato deciso già con il bilancio 2011 ed è in vigore da circa un anno; che nessun cittadino si è lamentato, anche perché i costi, se non inferiori, sono uguali a quelli degli altri comuni importanti del territorio e della regione Abruzzo. E che il servizio fino all’anno scorso veniva svolto dal personale comunale che non sempre era a disposizione e veniva sottratto ad altri compiti di manutenzione. Da qui, le decisioni assunte dal settore (di affidare il servizio a terzi).
Quanto alla tumulazione, il Comune chiarisce che essa avviene immediatamente. È solo la muratura che si fa, salvo casi eccezionali, due volte la settimana per contenere i costi. Il Comune ricorda anche che sono stati aggiudicati i lavori di 210 loculi cimiteriali alla ditta Peluso Giovanni di Vasto, con un ribasso del 33,145%, per euro 169.766,04 a fronte dei 250.449,87 l’importo a base d’asta, comprensivo degli oneri di sicurezza. Alla gara sono state invitate nove ditte.
«Il fatto che le tumulazioni avvengono solo due volte la settimana», replica ancora Del Prete al Comune, «come avevo denunciato su lamentele dei cittadini, solo due volte la settimana per contenere i costi, mi conferma la scarsa sensibilità del sindaco e dell'assessore delegato al cospetto di situazioni delicate e molto intime che, evidentemente, passano in secondo piano di fronte ai costi del servizio. Come se i problemi finanziari del Comune di Vasto dipendessero da un giorno in più da pagare al muratore per procedere alle tumulazioni senza lasciare una bara ed una salma in attesa per 5 giorni».
Il consigliere poi reputa assurde le affermazioni della amministrazione comunale che dice sono pochi 200 euro per una tumulazione e che fino ad oggi nessun cittadino si è lamentato.