TV ED ELETTROSMOG

Antenne San Silvestro, i cittadini tornano in procura

«Il master plan non autorizza a trasmettere»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1373

Antenne San Silvestro, i cittadini tornano in procura
PESCARA. «Il master plan non modifica le norme e non riammette San Silvestro come sito idoneo per trasmettere dopo lo switch off».
Ne è certo il comitato anti antenne che, dopo aver trovato il documento dietro al quale le tv locali si trincerano per il prosieguo delle trasmissioni dagli impianti contestati, ritorneranno in procura per integrare la loro denuncia.
Alcune settimane fa i cittadini di San Silvestro rappresentati da Brunella Di Lizio e Enio Salle avevano depositato una denuncia con documentazione allegata che provava il presunto abusivismo delle trasmissioni dalle antenne in loco. Una delibera dell’Agcom, infatti, esclude dal piano nazionale delle frequenze San Silvestro dal momento dello switch off. Eppure si continua a tramettere.
Il master plan (datato 12 maggio 2012) è un documento redatto dal Ministero delle Comunicazioni che indica effettivamente ancora la presenza di San Silvestro. Dunque la questione ora si sposta sulla natura del documento (è davvero una autorizzazione che contrasta con l’Agcom?) e sull’eventuale conflitto tra i due poteri dello Stato (appunto il ministero e l’Autorità per le comunicazioni).
«Noi riteniamo che il master plan», sostengono i componenti del comitato, «non rappresenti, in base alla normativa emanata negli anni nella specifica materia, alcun atto autorizzativo. Anche perché eventuali autorizzazioni potevano essere rilasciate solo per i siti che sono comunque compresi nel piano delle frequenze e non quelli esclusi».
Dunque secondo i cittadini a questo punto è la magistratura che deve chiarire cosa sia accaduto e se l’esistenza di documenti eventualmente contrastanti non possa configurare altri tipi di reato.
Sta di fatto che il prossimo 22 giugno ci sarà un nuovo incontro mentre la magistratura ha aperto un fascicolo. Non si può escludere al momento che non vi possano essere provvedimenti eclatanti come nuovi sequestri delle antenne.