L'ERA DI MATTIA

Di Mattia vara la giunta, ma è lui il super assessore

Nella squadra anche un’ex consigliera di Cordoma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4940

   Di Mattia vara la giunta, ma è lui il super assessore
MONTESILVANO. La squadra è stata definita ma il neo sindaco Attilio Di Mattia il ‘delicatissimo’ settore dei rifiuti lo ha tenuto per sé.

Così come le energie alternative, l’ambiente, l’ecologia, lo sviluppo sostenibile, i project financing, la cooperazione internazionale, il marketing territoriale, i sistemi informatici e l’Innovazione tecnologica, la finanza alternativa, il bilancio ambientale, il contenzioso, i rapporti con gli enti strumentali e partecipate e la macro organizzazione uffici e servizi.
Sara un lavoro faticoso. Lui, 35 anni, poca esperienza politica alle spalle ma un grosso entusiasmo, questa mattina, durante la presentazione della squadra di lavoro ha promesso un nuovo rapporto tra sindaco ed assessori «fatto di concreta collaborazione per trasformare le idee di ognuno in fatti, in tempi adeguati e sotto il controllo dei cittadini grazie a You Tube».
«Sono stato molto fortunato – ha detto Di Mattia - perché, come ho più volte ripetuto in queste settimane, il criterio di scelta delle donne e degli uomini del mio governo non poteva assolutamente
prescindere dalle indicazioni che i cittadini hanno dato con il loro voto. E proprio loro hanno scelto delle bellissime professionalità che oggi siedono qui accanto a me. Sono quattro avvocati, un
commercialista , un esperto del settore del sociale, un funzionario d’azienda. Oltre agli assessori anche moltissimi consiglieri avranno ruoli specifici ed importanti, ognuno con uno o due progetti da realizzare, perché tutti dovranno portare a casa i risultati. Così è più facile per il sindaco monitorare, per la giunta eseguire, ma soprattutto per i cittadini pesare le qualità degli eletti».


«CRONOPROGRAMMA SEMESTRALE SU YOU TUBE»
Il 14 ci sarà il primo Consiglio comunale, alle 17.00: «Io mi aspetto da ogni assessore, già nella giornata del 14, un cronoprogramma semestrale. Un metodo che dovrà diventare una consuetudine, ma non dovrà restare fra di noi. Infatti, ogni sei mesi, il cronoprogramma prima di approdare in giunta verrà registrato su You Tube e messo sul sito del Comune per diventare accessibile a tutti i cittadini. Io voglio un rapporto diretto e franco con i cittadini: ci applaudiranno se avremo fatto bene o, al contrario, ci fischieranno se faremo male. Noi dovremo sentire il loro fiato sul collo per lavorare bene».
Di Mattia ha ammesso di aver voluto mantenere delle deleghe «importantissime che segnano un profondo cambiamento di mentalità rispetto al passato, quando si dava priorità solo all’urbanistica, al bilancio che restano settori delicatissimi. Anche in questo ho voluto dare un segnale di cambiamento e tenere l’ambiente, la gestione dei rifiuti, l’ecologia, perché si possa recuperare l’enorme gap che ci ha allontanato dal
nord dell’Italia e dall’Europa che hanno, invece, capito prima e meglio di noi che il futuro deve essere sostenibilità».
Il sindaco Di Mattia, infine, ha concluso il suo intervento con un appello all’opposizione: «spero di poter lavorare insieme all’opposizione e chiedo loro di valutarci sui fatti. Chiedo 5 mesi di tempo per testare quello che abbiamo fatto e per giudicarci».


GLI ASSESSORI
Vice-sindaco Lino Ruggero (Udc): Industria, Commercio, Artigianato, Pesca, Mercati, Turismo, Suap, manutenzione e servizi patrimonio comunale
Feliciano D’Ignazio (Pd): Lavori Pubblici, Grandi Infrastrutture, Edilizia residenziale pubblica, manutenzione del verde e parchi pubblici, servizi cimiteriali, Protezione civile
Adriano Chiulli (Pd): Urbanistica, Assetto del territorio, Pianificazione generale e ambientale, Piani per gli insediamenti produttivi, Piani attuativi, Piani complessi, Piano spiaggia, Demanio, Rapporti con le confessioni religiose, politiche dell’integrazione
Enzo Fidanza (Pd): Bilancio, Programmazione e controllo strategico, Finanze, Economato, Sviluppo Economico, Valorizzazione patrimonio, Risorse Umane, Pubblica Istruzione, Edilizia scolastica
Antony Aliano (Montesilvano Bene Comune): Politiche sociali, Trasparenza e partecipazione democratica, politiche giovanili e della terza età, Politiche della famiglia, Asili nido, Disabilità, Politiche del lavoro e formazione professionale, Politiche della casa
Stefania Di Nicola (Idv): Pari opportunità, Sanità, Cultura, Sport, Eventi e Manifestazioni, Politiche Comunitarie, Attuazione del Programma, Associazionismo, Gemellaggi, Randagismo, benessere animali, Volontariato, Iniziative di Pace e solidarietà
Vittorio Iovine (assessore esterno): Polizia municipale, Rapporti con Enti sovra comunali, Bonifica del fiume Saline, Traffico, Mobilità urbana sostenibile, Piano del tempo, Statistica territoriale, social housing, creazione Urp


DI SANTE: «DOV’E’ IL RINNOVAMENTO?»

«Di Mattia ha più volte annunciato che a Montesilvano tutto sarebbe cambiato», commenta l’ex candidato sindaco di Rifondazione Comunista (che non è entrato in Consiglio) Corrado Di Sante. «Che fine hanno fatto il merito, la competenza e le figure di alto profilo? Di Mattia ha scelto gli assessori tra i consiglieri più votati, la solita vecchia politica. Sorprendente è la nomina di Lino Ruggero, il più votato dell’Udc a vicesindaco. A Montesilvano sarà la spalla di Di Mattia, invece in consiglio provinciale siederanno in parti avverse. La nomina di Ruggero consente l’ingresso in consiglio di Emidio Di Felice assessore al bilancio di Cordoma».
Per Di Sante, inoltre, con la nomina di una sola donna (Stefania Di Nicola) che da consigliera comunale con delega all'associazionismo e alle politiche della famiglia nell’amministrazione Cordoma «è stata premiata per il cambio di casacca e conquista un assessorato con le stesse deleghe. Che dire della Sinistra che è già naufragata con la nomina dell’assessore che va a Vittorio Iovine del circolo di Sel scaricando il PdCI?»


I DUBBI DI MUSA
Anche Manola Musa non nasconde i propri dubbi e si focalizza su Di Nicola: «vorrei congratularmi in
maniera particolare con il primo degli eletti dell'Idv (Enea D’Alonzo ha preso 251 voti, ndr) che, con grande
spirito di squadra e alla luce degli ideali e dei principi del partito in cui milita, ha saputo dare spazio all'assessorato esterno di Stefania Di Nicola (che ha preso sempre nell’Italia dei Valori 195 voti, ndr), da
sempre donna di partito di centrodestra (An e Pdl), che dopo cinque anni ha riscoperto improvvisamente le sue radici di centrosinistra nel partito fondato da Di Pietro. Di Nicola ha tenuto fede al "Da sempre con te", tormentone durante la sua campagna elettorale, sempre infatti dalla parte di una maggioranza qualunque essa sia. Strano infatti che il sindaco Attilio di Mattia abbia incentrato la sua campana elettorale sul fallimento del centrodestra e poi abbia affidato proprio alla Di Nicola un assessorato. Alla luce della nuova giunta comunale nutro molti dubbi che questo sia realmente il primo grande segnale di rinnovamento annunciato dal sindaco da mesi».