AMBIENTE

Arriva a Pianella la entrale elettrica a biomasse

Approvata variante urbanistica per costruire la centrale

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2845

Arriva a Pianella la entrale elettrica a biomasse
PIANELLA. Pianella avrà la sua Centrale di produzione di energia elettrica a Biomassa.

Lo ha stabilito il Consiglio comunale che, nel corso dell’ultima seduta del 4 giugno, ha approvato la variante urbanistica per la costruzione di un impianto a biomassa costituito da cippato di legna vergine in contrada Conoscopane. «Un traguardo importante, che vuole trasformare il nostro territorio in comune capofila delle aree interne nell’adozione delle moderne tecnologie ecocompatibili», ha commentato il sindaco Giorgio D’Ambrosio ufficializzando l’approvazione di ieri. La centrale sorgerà in contrada Conoscopane ad opera della ditta Romagnoli Enegia Srl.
«Il nostro obiettivo – ha spiegato il sindaco D’Ambrosio – è quello di avvicinare la nostra città alle nuove tecnologie puntando al risparmio energetico e realizzando opere a bassissimo impatto ambientale. E, in questo caso, risparmiare energia potrà significare anche portare nuove risorse nelle casse comunali per un importo di 150mila euro all’anno. Nello specifico, il Consiglio comunale ha approvato la variante urbanistica per la costruzione di una Centrale di produzione di energia elettrica a Biomassa in contrada Conoscopane. Si tratta di un impianto complessivo da 10 MWe, che verrà sdoppiato in un primo impianto da 1 MWe funzionante a biomassa costituita da cippato di legna vergine, e un secondo impianto da 9 MWe a funzionamento ibrido, ossia biomassa di legna vergine più alcool grezzo, diminuendo così fortemente l’approvvigionamento di etanolo. Ciò consentirà di utilizzare biomassa di provenienza agricola, come scarti, potature eccetera, e scarti di verde urbano, che dovrebbe essere conferito a discarica».


Il primo impianto da 1 MWe potrà essere realizzato nel giro di un anno in quanto i componenti sono già reperibili sul mercato e potrà contribuire così, con gli utili di esercizio, al finanziamento dell’impianto da 9 MWe. «Inoltre l’impianto da 1 MWe – ha aggiunto il sindaco D’Ambrosio – potrà garantire un ristoro economico di circa 150mila euro e fornire subito il teleriscaldamento agli impianti sportivi di prossima realizzazione, come la piscina comunale».
Il Consiglio comunale ha anche invitato la ditta Romagnoli Energia Srl a valutare la possibilità, successivamente all’entrata in produzione della Centrale, di implementare la stessa sia con la realizzazione di un impianto di distillazione per la produzione del mostro concentrato, sia di un impianto di alimentazione con biomassa solida. «Sarà un modo – ha precisato il sindaco D’Ambrosio – per privilegiare l’uso dei prodotti locali e trasformare Pianella in un punto di riferimento in campo di energia pulita».