AMBIENTE & FUTURO

Resort San Vito Chietino: «procedure trasparenti e innovative»

Il primo cittadino difende il progetto

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

3063

Resort San Vito Chietino: «procedure trasparenti e innovative»
SAN VITO CHIETINO. Il resort a San Vito Chietino è «frutto di una procedura amministrativa trasparente ed innovativa».

Il Comune ne guadagnerà: nelle casse comunali secondo le stime del primo cittadino Rocco Catenaro, arriveranno oltre 2 milioni di euro, un gettito Imu di oltre 300 mila euro all’anno.
«La struttura che dovrebbe sorgere in Contrada Foreste garantirà al territorio oltre 200 posti di lavoro ed è complementare al progetto della Via Verde nel rispetto degli indirizzi programmatici del Protocollo di Intesa sottoscritto dalla Provincia di Chieti, dai Comuni della costa e da tutte le organizzazioni imprenditoriali il 4 agosto 2011 a Roma presso il Ministero della Sviluppo Economico, al fine di favorire l’insediamento di strutture turistico-ricettive di eccellenza», assicura il primo cittadino.
E proprio Catenaro protesta contro chi si oppone «pregiudizialmente» per impedire il «concreto sviluppo economico turistico non solo del paese ma dell’intero comprensorio della costa dei Trabocchi».
Il sindaco parla senza mezzi termini di «ingiustificato accanimento» contro questo progetto del settore urbanistica della Provincia a fronte, invece, «dell’assoluta benevolenza riservata a progettualità veramente impattanti realizzate sulla nostra costa».
Il resort dovrebbe sorgere su una superficie di 200.000 metri quadrati di cui 130.000 interessati da 612 camere, seconde case, centro di talassoterapia per 9000 metri quadrati, sala meeting per 1000/1500 posti, centro culturale, 9 ristoranti, anche per banchetti, attrezzature sportive, piscine, parchi. «In un periodo storico in cui nella nostra Regione si registra un record di disoccupazione pari al 13% ed una massa di ben 73.000 persone senza lavoro», chiude il primo cittadino, «chi si oppone pregiudizialmente si assume la responsabilità di impedire il concreto sviluppo economico-turistico».