FINANZIAMENTI

Pit, tre milioni di euro per interventi di valorizzazione delle aree montane

I beneficiari saranno enti pubblici ed imprese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1424

Pit, tre milioni di euro per interventi di valorizzazione delle aree montane
TERAMO. Oggi prima riunione del Tavolo di concertazione in Provincia per determinare un pacchetto di interventi in linea con gli obiettivi del PIT Tre milioni di euro destinati alla valorizzazione delle aree montane.

E’ l’ammontare delle risorse previste per il Progetto integrato territoriale (PIT) Teramo, Asse IV , di cui potranno usufruire sia organismi pubblici che imprese private in regime di compartecipazione. I Comuni interessati sono in tutto 28 (come stabilito dalla Regione Abruzzo, che è titolare dei finanziamenti e che ha stabilito la quantità di risorse da assegnare ai 4 territori provinciali). Con l’obiettivo di determinare, insieme alle istituzioni locali e agli attori sociali, un pacchetto di interventi che centrino gli obiettivi del Pit (infrastrutture ricettive e valorizzazione delle tradizioni e dei patrimoni locali), questa mattina l’assessore al ramo, Ezio Vannucci, ha convocato i Comuni, le organizzazioni sindacali e le associazioni di categoria, insieme agli enti competenti per materia, come la Camera di commercio, per una pre-valutazione delle idee progettuali di tutti i soggetti interessati.
«Erano risorse non scontate – spiega l’assessore competente, Ezio Vannucci -, i tempi di realizzazione sono stretti in quanto la scadenza del programma è fissata a dicembre 2013, ma è senz’altro un’opportunità da non perdere in questo momento di grandi ristrettezze per gli enti locali e per le imprese. Le risorse saranno assegnate sulla base di un bando, che prevederà criteri di premialità quali quelli dell’immediata cantierabilità, della compartecipazione finanziaria dei Comuni, privilegiando gli interventi di riqualificazione urbana che puntano all’infrastrutturazione turistica, ai servizi per il turismo e alla valorizzazione di quelle tradizioni che possono qualificare la nostra offerta in un mercato particolarmente attento alle vocazioni peculiari e tipiche dei territori. Sarà fondamentale, inoltre, lavorare in una logica di rete e proprio a questo serve il tavolo di concertazione, che tornerà a riunirsi già lunedì prossimo».
Con le precedenti risorse Pit, riguardanti il settore privato e l’innovazione tecnologica, sono stati distribuiti 2 milioni e 800mila euro a 73 soggetti imprenditoriali: le domande di partecipazione erano state 189.