LAVORO

Firmato accordo Golden Lady, salvi 365 posti

Subentra la New Trade di Prato

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

3681

Firmato accordo Golden Lady, salvi 365 posti
ROMA. Firmato, questo pomeriggio, a Roma, presso il Ministro dello Sviluppo Economico, l'accordo per la riconversione industriale del sito produttivo della Golden Lady di Gissi



Salvi 365 posti di lavoro grazie al subentro dell'azienda Del Gatto, specializzata nel settore delle calzature e dell'azienda NEW Trade di Prato che attivera' un impianto nell'ambito del settore tessile. La firma e' avvenuta alla presenza dell'assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti, dell'assessore al lavoro della Provincia di Chieti Daniele D'Amario, al sindaco di Gissi, oltre quella delle parti datoriali e sindacali.
«Salvataggio dei livelli occupazionali, riconversione industriale idonea alla vocazione del territorio e supporto della Regione con politiche attive e passive del lavoro, ritenute dalle imprese subentranti fondamentali per iniziare la trattativa e concluderla positivamente. Abbiamo affrontato questa vertenza con serieta' e cautela, - afferma l'assessore Gatti -consapevoli dell'alta posta in gioco che coinvolgeva il futuro di tanti lavoratori e delle loro famiglie e la possibilita' di cogliere un'opportunita' di rilancio dell'intero tessuto economico e sociale dell'area coinvolta. Oggi, a firma vergata, - prosegue - possiamo esprimere la nostra soddisfazione, che e' grande perche' il momento di crisi che attanaglia il Paese e' grave e pressante. La Regione Abruzzo svolge il suo ruolo, costruendo le condizioni e le opportunita' per rendere appetibile investire e intraprendere sul nostro territorio. Al termine di questo percorso, voglio rivolgere un ringraziamento al personale dei miei uffici e al Consigliere Argiro' che mi ha affiancato durante tutta la vertenza».

«Questo risultato rappresenta il frutto della tenacia delle lavoratrici che non hanno mai smesso di lottare e di impegnarsi per la difesa del proprio futuro, nonché della saggezza del sindacato che ha saputo tenere alta la tensione su questa vicenda e di tutte le forze politiche ed istituzionali che credono nel lavoro e nella dignità dei lavoratori», commenta Alessandro Cianci di Sel. «La strada da percorrere per il rilancio industriale del Vastese è ancora lunga ma senza dubbio questa è una bella notizia».