AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

Casse "piene" al Comune di Sulmona. Udc: « 9,6 mln per i prossimi anni»

Il partito festeggia gli attivi di bilancio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1490

   Casse "piene" al Comune di Sulmona. Udc: « 9,6 mln per i prossimi anni»
SULMONA. Tempi di magra per qualcuno, “vacche grasse” per qualche altro. Il partito Udc di Sulmona festeggia così il fondo di cassa attivo del Comune. 7,5 milioni di euro al 31.12.2011 ed un bilancio (rendiconto della gestione) più trasparente, leggibile ma soprattutto meno drogato che inizia a rispettare i principi di attendibilità e veridicità.

«Sono i risultati di ben quattro anni di lavoro di accertamento dei residui attivi e passivi (crediti e debiti del Comune) grazie alle politiche finanziarie del gruppo consiliare Udc, all’intuizione dell’assessore al Bilancio Giuseppe Schiavo ed alla collaborazione dei tecnici comunali».
A dirlo è proprio il gruppo Udc che ha evidenziato «come questa amministrazione avrà a disposizione nei prossimi anni risorse per complessivi circa €. 9,6 milioni (€. 8 milioni derivanti dai proventi per l’aggiudicazione della gara sulla rete del gas fatta dopo circa un decennio e con incassi annuali pari a circa 9 mila euro rispetto agli oltre 600.000,00 euro di oggi ed €. 1,6 per il tesoretto derivante dalla pulizia dei residui attivi e passivi)».
Dai dati elaborati dal collegio sindacale del Comune di Sulmona, messi a disposizione dei commissari della commissione consiliare al Bilancio del Comune e resi noti dall’Udc vengono fuori per gli anni 2008, 2009, 2010, 2011 residui attivi pari a 4 mln e 264mila euro, residui passivi pari a 5mln e 849 mila euro, e come valore assoluto dei residui eliminati la cifra di 10 mln 113 mila euro; l’ impatto sull’avanzo invece è stimato intorno ad 1 mln e 585 mila euro.
Questo modello amministrativo-finanziario, fa sapere Luigi Rapone capogruppo dell’Udc, «improntato esclusivamente in favore della città, purtroppo è stato interrotto per i soliti irrazionali smodati rampantismi che nulla hanno a che fare con l’interesse generale».