SPETTACOLO

Chieti, salta il Festival per cover band «per indecisione del Comune»

L’associazione ProMotionStyle pronta a far causa all'amministrazione pubblica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

14435

Gianfranco Reale

Gianfranco Reale

CHIETI. A marzo era un sì, poi un forse, oggi è diventato uno stop.


«L’assessorato al Turismo del Comune di Chieti ha mandato in fumo il Coverfestival, un appuntamento riservato alle cosiddette “cover band”, più di 300 gruppi musicali che operano in Italia e rendono omaggio ad artisti famosi riproponendone musica e spettacoli. A poco più di un mese dalla manifestazione però l’iniziativa è sospesa».
Lo dice con dispiacere l’associazione organizzatrice dell’evento, la ProMotionStyle che si era già mossa per individuare location (l’area archeologica La Civitella), la data (il 30 giugno) e la somma (l’ impegno di spesa ammontava a circa  55.000 euro).
In cambio al Comune è stato chiesto di accogliere la proposta, offrire il suo patrocinio, l’utilizzo del logo e valutare l’opportunità di una compartecipazione economica.
L’associazione, inoltre, avrebbe accolto il re del Rap Marracash, amato da numerosissimi giovani. «La sua presenza», commenta il presidente dell’associazione Gianfranco Reale, «avrebbe fruttato la presenza di almeno 3.000 ragazzi».
Dopo il primo entusiasmo manifestato dall’assessore al Turismo Marco Russo, d’improvviso è calato il silenzio.
«Ho parlato direttamente e più volte con lui», continua Reale presidente dell’associazione, «ed aveva garantito la massima disponibilità; nonostante le nostre sollecitazioni sono trascorse settimane su settimane senza che vi sia stata una risposta concreta. In questi giorni abbiamo appreso che c’è stato un ennesimo rinvio della decisione, per un atteggiamento dell’assessore, teso a temporeggiare ed a rinviare ogni determinazione».
Ed ora ad aspettar(si) qualcosa sarà  proprio il Comune visto che l’associazione sta valutando «la possibilità di rifarsi per i danni subiti sulla base delle spese già affrontate».
Un ennesimo “si vedrà” della pubblica amministrazione è finito in delusione.