IL CASO

Ortucchio, «discarica a cielo aperto». La proposta: «stendiamoci un telo»

Il sindaco assicura: «fatti tutti gli accertamenti, nessun pericolo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2491

La zona

La zona

ORTUCCHIO. Al sindaco di Ortucchio non piace chiamarla discarica a cielo aperto.

Per indicare l’area in via Circonfucense dove insiste un capannone ormai dismesso e sequestrato lui preferisce «espressioni più appropriate».
In quella terra abbandonata tempo fa una ditta privata trattava plastica ed altri materiali. Poi le fiamme (dovute ad un incendio doloso, dice il sindaco) hanno divorato tutto quanto; infine c’è stato un contenzioso perché la concessione di quell’area non risultava a norma ed infine l’abbandono. Così, oggi, il consigliere d’opposizione Mario D’Agostino propone una soluzione provvisoria per coprire quello spettacolo: perché non stendere un velo, pardon, un telo su quell’area?

«FATTI TUTTI GLI ACCERTAMENTI»
Il sindaco Federico D’Aulerio parla chiaro. «Sulla zona in questione sono stati fatti tutti gli accertamenti tecnici ed ambientali per verificare i danni ambientali conseguenti all’incendio appiccato. E’ intervenuta pure l’Arta escludendo pericoli per l’abitato lì attorno».
Neppure le particelle di plastica svolazzanti costituirebbero un problema ed il primo cittadino si dice tranquillo e sicuro.
«Dobbiamo dire le cose come stanno», dice, «abbiamo fatto tutto in regola. Il Comune è disponibile a fornire i documenti e tutto quanto».
Di tutt’altro tenore sono le dichiarazioni del consigliere D’Agostino secondo cui quell’area è una discarica in cui affluivano le ecoballe provenienti da fuori regione. Dopo l'incendio, i fattori climatici (vento, pioggia, alte temperature) hanno aumentato in maniera esponenziale la diffusione di particelle nocive per tutto l'eco sistema.
E, preoccupato «per la visione desolante di questa discarica a cielo aperto», sfodera dal cilindro una proposta. «A prescindere dalle annose e ingarbugliate situazioni giuridiche», dice, «e dallo stato di abbandono in cui versa e consapevole degli enormi costi da parte dell'Amministrazione Comunale per lo smaltimento, propongo una copertura con teli ad hoc».
m.b.