SCUOLA

Apre il Liceo D’Ascanio a Montesilvano

La Provincia risparmia 522mila euro l’anno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5657

Apre il Liceo D’Ascanio a Montesilvano
MONTESILVANO. A settembre aprirà i battenti, a Montesilvano, il liceo scientifico Corradino D’Ascanio in corso di realizzazione.

Già da oggi, quindi, la Provincia di Pescara può attivarsi per recedere anticipatamente dai contratti di affitto dei locali attualmente occupati da questa scuola, che si trova in corso Umberto e in via Verrotti, a Montesilvano. Ciò produrrà un taglio netto per ciò che riguarda la voce fitti passivi: nel 2012 la Provincia risparmierà 132.914 euro mentre in un anno intero, nel 2013, le minori spese da sostenere saranno pari a 522.134 euro e in questa cifra rientrano sia le somme relative al D’Ascanio sia quelle relative all’Istituto Alberghiero De Cecco, considerato che anche in quel caso si è proceduto alla rescissione del contratto.
«Si alleggerisce in maniera consistente la voce dei fitti passivi per ciò che riguarda le scuole di competenza della Provincia – commenta il presidente Guerino Testa. Nello stesso tempo da quando ci siamo insediati abbiamo intensificato notevolmente gli investimenti in questo settore e con il Piano di dimensionamento abbiamo dato risposte concrete alle scuole, in alcuni casi risposte attese da decenni. Con il D’Ascanio, altra scuola di cui si parla ormai dagli anni ’80, arriva un’ulteriore risposta. Con gli investimenti per circa 4 milioni di euro previsti nel Bilancio da poco approvato dimostriamo poi che l’edilizia scolastica rappresenta una priorità nella nostra agenda di governo, nonostante la Provincia abbia ricevuto negli ultimi due anni minori trasferimenti dallo Stato per 5 milioni di euro».
«I risultati positivi di oggi – dice il vice presidente della Provincia e assessore all’Edilizia scolastica Fabrizio Rapposelli - non nascono a caso ma sono il frutto di una approfondita conoscenza del pregresso e di una attenta programmazione, anche per ciò che riguarda i costi dei fitti passivi divenuti oramai insostenibili. Nell'anno in corso ridurremo questo fardello che arriva dal passato di 130mila euro e nell’anno scolastico 2012-2013 raggiungeremo 522mila euro di risparmio. Non è finita, in quanto la programmazione già in atto per il 2014 porterà nelle casse dell'ente un ulteriore riduzione di spesa: con la definitiva allocazione della succursale di via Vespucci del liceo Da Vinci presso la sede di via Colle Marino si prevede un taglio di altri 130 mila euro. In tempi di crisi economica come questo in cui il governo centrale impone sacrifici ai cittadini, la politica portata avanti dalla provincia di Pescara è un ottimo esempio di buon governo, una politica antesignana del risparmio e del rigore portati avanti a livello centrale».