OMICIDIO MELANIA REA

Parolisi scrive alla figlia: «nessuno ci separerà»

Salvatore, «non smetterò di combattere per te e per la mamma»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1987

Parolisi scrive alla figlia: «nessuno ci separerà»
TERAMO. «Un giorno capirai quello che oggi ingiustamente stiamo vivendo: ecco perché io non smetterò mai di combattere per la mamma e per te».

Salvatore Parolisi scrive dal carcere alla figlia Vittoria e le confessa la sofferenza di non poterla abbracciare perché «dei giudici con poche righe mi hanno detto che il tuo bene è quello di non vedermi e di stare lontano il più possibile da zia Francesca, dai nonni e dai tanti piccoli amati cuginetti». E' stato lo stesso caporalmaggiore dell'Esercito, in carcere dal 19 luglio scorso perché accusato di aver ucciso la moglie Melania Rea, a chiedere ai suoi legali, Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, di recapitare il testo della lettera agli organi di informazione. Parolisi scrive alla figlia, dopo che la corte d'Appello del tribunale dei minori di Napoli, accogliendo il ricorso della procura minorile, ha sospeso la potestà genitoriale fino alla conclusione del processo in corso con un rito abbreviato: l'uomo detenuto può sentirla al telefono soltanto due volte a settimana. «Dal primo giorno di carcere ho sempre chiesto di vederti anche per poco - scrive Parolisi alla figlia di due anni -, il tempo di una carezza, di un bacio... Mi sento preso in giro quando penso che eri a pochi metri da me e non ti ho potuto riabbracciare e riempirti di coccole e baci. Adesso molti pensano che non potendoti vedere sia un'ulteriore punizione nei miei confronti, ma non capiscono che stanno facendo del male soprattutto a te, figlia mia».
Il caporalmaggiore napoletano vorrebbe che tutti, giudici compresi, «ascoltassero le tue parole che ogni volta mi dici al telefono: "Papà quando vieni dal lavoro? Papà sei nel mio cuoricino", oppure quando cantiamo al telefono le nostre canzoncine. Io ti prometto cara figlia mia, che mai niente potrà separarci perché tu sei il frutto dell'amore di mamma e papà. Bambina mia, tu non sai quanto soffro quando vedo con i miei occhi persone che possono abbracciare i propri figli. Un giorno capirai quello che oggi ingiustamente stiamo vivendo, ecco perchè io non smetterò mai di combattere per la mamma e per te. Ti adoro, tuo per sempre unico e solo caro papà».