VASTO

Danneggia autobus, studente pregiudicato incastrato dalla polizia

Danni per 400 euro, fondamentale la segnalazione dell’autista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1720

Danneggia autobus, studente pregiudicato incastrato dalla polizia
VASTO .Denunciato per aver danneggiato il sedile dell’autobus che lo stava portando a scuola. L’episodio è avvenuto su un mezzo di linea che collega Vasto a Termoli e che trasporta prevalentemente studenti.

Da tempo sulla stessa tratta si erano verificati continui episodi di danneggiamento ai mezzi di linea commessi durante il trasporto passeggeri. I fatti avvenivano sempre sulle stesse corse dove erano presenti sempre gli stessi studenti pendolari. I danni provocati con il tempo hanno acquisito proporzioni fastidiose per l’ente gestore. Il ragazzo, scoperto e denunciato alla polizia, era salito prendere il solito autobus, per fare ritorno a casa dopo un normale giorno di scuola nella città molisana.
Qualche giorno fa ha preso posto ma, subito dopo la partenza, ha assunto una posizione che ha destato l’attenzione dell’autista del mezzo, che già da tempo nutriva sospetti su alcuni ragazzi. Sul sedile è stato trovato un profondo squarcio lungo quasi 10. Anche lo schienale è stato danneggiato con una lama.
Il conducente ha avvertito la sua azienda che si è subito rivolta alla Polizia. Gli agenti del commissariato di Vasto, coordinato dal dirigente Cesare Ciammaichella, ha avviato le indagini per risalire all’identità dell’autore dell’atto vandalico. Preziose si sono rivelate alcune fotografie che hanno inchiodato lo studente anche grazie all’aiuto di altri testimoni. Si tratta di un minorenne, con precedenti penali di un certo rilievo per la giovane età: minacce, molestie telefoniche e lesioni personali aggravate in concorso.
A tutto questo ora si aggiunge il costo di quella “bravata”, forse commessa solo per noia o per divertimento, che lo studente non aveva certamente preventivato.
E’ scattata a suo carico una denuncia per danneggiamento aggravato e il danno, quantificato intorno ai 400 euro, dovrà essere risarcito alla ditta trasporti dai genitori del minore indagato.