LA SENTENZA INTEGRALE

Fiat: giudice lavoro accoglie ricorso Fiom contro Sevel

Il dispositivo «cessare immediatamente comportamento antisindacale»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2985

Fiat: giudice lavoro accoglie ricorso Fiom contro Sevel
LANCIANO. Il giudice del lavoro del tribunale di Lanciano ha accolto il ricorso della Fiom Chieti per condotta antisindacale della Sevel Spa, azienda del gruppo Fiat.

L'ordinanza del giudice Flavia Grilli è stata depositata e notificata alle parti nella tarda mattinata. Il 5 marzo scorso la Fiom Chieti aveva depositato il ricorso contro la Sevel per aver «negato efficacia e legittimità delle 14 nomine Rsa Fiom nell'unità produttiva di Atessa».
Il ricorso è stato presentato dall’avvocato Domenico Sciorra. La Fiom non ha firmato il nuovo contratto entrato in vigore il primo gennaio 2012 in tutti gli stabilimenti Fiat d'Italia, contratto che nel caso della Sevel ha disdettato tutti gli accordi precedenti.  Marco Di Rocco, segretario provinciale Fiom Chieti, nei giorni scorsi aveva annunciato l’avvio «di una battaglia legale per il riconoscimento delle prerogative sindacali in Sevel» che oggi, di fatto, raccoglie la prima vittoria sul campo. 

LA DECISIONE DEL GIUDICE
E così il giudice «conseguentemente ordina alla Sevel spa di cessare immediatamente dalla sua condotta intimandole di consentire la nomina delle Rsa Fiom e di riconoscere e garantire alla medesima l'esercizio di tutti i diritti previsti dal Titolo III dello Statuto dei Lavoratori», scrive il giudice. Le 9 pagine del decreto, depositato questa mattina dal giudice Flavia Grilli, dovranno essere affisse, a cura della Sevel spa, «nei locali dell'azienda ed in un luogo accessibile a tutti per un periodo di 20 giorni».

LE PROTESTE DELLE SCORSE SETTIMANE
«Marchionne e l'azienda», aveva denunciato Fiom, «vogliono cancellare la libertà, la democrazia, la costituzione italiana dentro il più grande stabilimento abruzzese. Le lavoratrici e i lavoratori della Sevel non hanno il diritto di iscriversi alla Fiom, non hanno diritto di parlare con un nostro delegato, non possono farsi rappresentare dalla Fiom, non possono dire che sono della Fiom. Questa, purtroppo, è la situazione in cui versano circa 6.500 lavoratori per cacciare la Fiom dalla fabbrica la Sevel ha dovuto cancellare circa 40 anni di storia sindacale e numerosi accordi promossi, siglati e condivisi dalla Fiom».
La Sevel, joint venture Fiat e Psa (Peugeot-Citroen), è il più grande stabilimento d'Europa per la produzione di veicoli commerciali leggeri ed è presente in Val di Sangro dal 1981. Attualmente impiega direttamente circa 6.200 lavoratori, oltre 20mila con l'indotto, per la produzione dei furgoni. Nella galassia italiana della Fiat è lo stabilimento che produce più pezzi al giorno, circa 1.000 furgoni in 24 ore.

Tribunale Lanciano Fiom-Sevel